www.colapisci.it L'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

U  terremotu du 28 dicembre 1908


Foto in  www.history.navy.mil

Lù 28 dicembre
la matina
Versu li cinqu e menza
e non passati
Vinni un Terremotu comu na’mina
chi sdirrupau
la bedda Missina

U Terremoto
fici Tagghia chi Tagghia
chi non vaddau nè
Madri, né  Figghia
fici munsedda comu
la pagghia, chì Missina
divintau ‘na canigghia.

 

Anonimu Missinisi


Il terremoto del 28 dicembre 1908

Il  28 dicembre
di primo mattino
In prossimità delle ore cinque e trenta non ancora trascorse
Venne un Terremoto che,
come la deflagrazione di una bomba
fece crollare
la bella Città di Messina

Il Terremoto
Colpì come può tagliare  una  falce
E non distinse
ne le Madri, ne le Figlie
Fece cumuli di macerie come
fossero paglia, cosicché Messina
diventò come un informe ammasso  di crusca.

Poeta anonimo messinese

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it