Variante

Un uomo e il facchino Giufà

La Grande Guerra - Nei pressi di Gorizia

Un uomo, tornato da un viaggio in Oriente, aveva intenzione di vendere un vasto assortimento di porcellana che aveva comprato.
Giunto al porto della sua città cercò un facchino. Giufà, che allora lavorava nel porto, si mise a disposizione  dell'uomo, il quale consegnandole il pacco con le porcellane, gli disse:
- Portami a casa questo pacco! Non ti pentirai! Ti darò 3 consigli utili!

Giufà, pensando che avrebbe potuto fare tesori di questi consigli, accettò la commissione e portò il pesantissimo pacco fino a casa dell'uomo e disse:
- Adesso dammi i consigli che mi hai promesso!

L'uomo, improvvisando un po' e pensando di gabbare Giufà, disse:
- Ascolta bene:
Primo consiglio: se qualcuno ti dice che è meglio avere fame invece di essere sazio, non devi credergli
Secondo consiglio:
se ti dicono che essere poveri è meglio che  essere ricchi, perché la ricchezza dà infelicità, non crederci
Terzo e ultimo consiglio: se ti dicono che è meglio andare a piedi che a cavallo, perché potresti cadere e romperti il collo,  non crederci
Bene, ora puoi darmi il pacco e vai in pace.

Giufà, rimasto ammutolito da tanta sfacciataggine, alzò il pacco in aria e, tra le urla dell'uomo, lo fece cadere con forza per terra. Poi disse:
-
Se ti diranno che in questo pacco è rimasto qualche pezzo intero, non crederci! -
e se ne andò, ridendo sotto i baffi
.

www.colapisci.it