Variante di  Le uova

Il prezzo della gallina

Un commerciante durante un viaggio si fermò a mangiare in una trattoria una gallina lessa e due uova sode e si mise d'accordo con il padrone che avrebbe pagato il conto al suo ritorno.
Finito il suo viaggio, dopo qualche mese
il commerciante, andò alla stessa trattoria e mangiò le stesse cose. Poi chiese di saldare il nuovo e il vecchio conto.
Il padrone, allora, presentò un conto esagerato  di duecento denari. Alle rimostranze del commerciante,  che giudicava esoso pagare 200 denari per due galline e quattro uova, il padrone della trattoria disse:
- Vedi, se tu, qualche mese fa, non avessi mangiato la gallina, questa avrebbe fatto un uovo al giorno che avrei potuto vendere o dai pulcini ottenere altre galline, che mi avrebbero dato altre uova. Avrei potuto quadagnare centinaia e centinaia di denari!

Il commerciante reagì in malo modo e i due si misero a litigare, fin quando decisero di rivolgersi al giudice. Questi, che era molto amico del padrone della trattoria, diede subito torto al commerciante, considerato che nessuno accordo era stato preso per il prezzo,  e a nulla valsero le considerazione del commerciante che la gallina era già pronta da mangiare e le uova erano sode e che non potevano essere fatte nuove uova e nuove galline da cose cucinate.
Il commerciante chiese, allora, al giudice di poter avere la possibilità di essere aiutato da qualcuno in questa causa. Il Giudice acconsentì, ma lo avvertì che in ogni caso doveva presentarsi all'indomani per la sentenza

Il commerciante, disperato andò dal suo saggio amico Giufà e gli chiese aiuto. Giufà acconsentì di aiutarlo e gli diede appuntamento in tribunale.

L'indomani il commerciante si presentò dal giudice e disse che Giufà l'avrebbe difeso nella Causa. Ma Giufà si fece attendere un bel po'.
Quando arrivò, il giudice, molto arrabbiato, chiese:

- Giufà, perché sei arrivato con tanto ritardo? Mi manchi di rispetto!

- Mi scusi signor giudice, ma, mentre uscivo di casa,  il mio fattore mi ha chiesto i  chicchi di grano per la semina e io li dovuti friggere tutti, prima di darglieli.

Il giudice, con il sangue che gli stava montando agli occhi,  disse:
- Ma cosa è questa bestialità?! Chi ti ha insegnato a friggere prima il grano e poi a seminarlo! Vuoi prendermi in giro?

Giufà rispose serafico:
- Signor giudice, allora, come si fa a chiedere dei denari per il mantenimento e per il mancato guadagno di una una gallina lessata e due uova sode?

Il giudice rimase zitto e il commerciante vinse la causa.

 

www.colapisci.it