Occhi di cucca

Giuf di Innocenti

Giuf duvennu purtari li dinari a la casa, si scantava ca cci li pigghiavanu; e chi fa? l metti 'nta un saccu e di supra cci metti spini di sipla pi fari avvidiri ca 'un era nenti chiddu chi purtava. Si lu jetta arreri li spaddi e arranca pi la casa. Li picciotti lu scuntravanu:
- Giuf, chi porti ?

- Occhi di cucca (sintennu parrari di la munita d'argentu chi lucia).

'Ncugnavanu li manu pi tuccari e si puncanu:
- Ahi ahi!

Passava di 'n' tra bnna; li picciotti:
- Giuf, chi porti ?

- Occhi di cucca.

Tuccavanu:
- Ahi ahi!

E accuss Giuf juncu a la casa e cci purt sani e sanseri li dinari a s matri.


Occhi di civetta

La Grande Guerra - Nei pressi di Gorizia

Giuf dovendo portare dei soldi a casa e avendo paura che glieli rubassero, ebbe l'idea di prendere delle spine di rovo e metterle nel sacco in cui li portava.
Per strada i ragazzacci
che incontrava chiedevano:
- Giuf cosa porti nel sacco?

Il ragazzotto, che non sapeva mentire, ma che sapeva trovare parole fuorvianti, rispondeva:
- Occhi di civetta - (alludendo allo splendore delle monete)

I ragazzi incuriositi mettevano le mani nel sacco , ma si pungevano subito con le spine e urlavano:
- Ahi! Ahi

Andando avanti per la sua strada, Giuf incontrava altri ragazzi, che tornavano a chiedere:
- Giuf che porti nel sacco?

- Occhi di civetta

I ragazzi mettevano le mani nel sacco e pungendosi si allontanavano urlando
- Ahi! Hai!

E ogni curioso che voleva toccare gli occhi di civetta, finiva, dopo essersi punto, per darsela a gambe dicendo:
- Ahi! Ahi!

Fu cos che Giuf, facendosi scorno dei malintenzionati, riusc a portare a casa tutto per intero il suo denaro.

 

Palermo
 trascritto da Giuseppe Pitr
in Fiabe, novelle, racconti popolari siciliani

www.colapisci.it