Variante turca di Giufà e la Luna

La luna nel pozzo

In Turchia, un ragazzo uscì di sera, con un secchio, a prendere l'acqua da bere in un pozzo.
Era una limpida notte di maggio e una splendida luna piena faceva sfoggio di sè nel cielo punteggiato di stelle.
Giunto al pozzo, il giovane, che era un po' sciocco, si chinò sull'orlo per calare giù il secchio. Ma, fu molto sorpreso nel vedere la luna riflessa nell'acqua ed esclamò:
- Oh, la luna è caduta nel pozzo!  Bisogna che la tiri subito su!

Di gran corsa andò a casa, cercò una corda robusta e vi attaccò un grosso uncino. Tornò, subito al pozzo e gettò nell'acqua la lenza che si era costruito.
L'uncino toccato il fondo del pozzo, rimase impigliato in una grossa pietra.
Il ragazzo, pensando d'aver preso la luna, cominciò a tirare con grande energia. Più tirava e più l'uncino si ancorava nella pietra.
Allora, il giovanotto si mise a tirare con tutta la forza, fin quando non spezzò l'uncino. Mancato l'appiglio, la corda cedette improvvisamente e il ragazzo fece un bel capitombolo all'indietro e finì a gambe in aria.

Trovandosi a schiena in giù, vide la luna splendente nel cielo fra migliaia di stelle.
Allora esclamò:
- A momenti mi spezzavo l'osso del collo, ma, grazie alla mia forza e all'aiuto della mia lenza, sono riuscito a togliere la luna dal pozzo e rimetterla al posto giusto: nel cielo.

Contento di quello che aveva fatto, il ragazzo si alzò e si diresse contento a casa.

Sommario Giufà

www.colapisci.it