GiufÓ e la pezza di tila

La Grande Guerra - Nei pressi di Treviso

'N'Ôutra vota la matri cci dissi:
- GiufÓ, haju sta pezza di tila ca m'abbisugnassi di falla tincÝri; va' nna lu tincituri, chiddu ca tinci virdi, niuru, e cci la lassi pi tincirimilla.

GiufÓ si la metti 'n coddu, e nescý. Camina camina, vidi 'na serpý bella grossa; 'n vidennula, ca era virdi, dissi:
- Mi manna mŔ matri, e voli tinciuta sta tila.
(E cci la lass˛ ddÓ) Dumani mi la vegnu a pigghiu.

Torna a la casa, e comu s˘ matri senti la cosa, si cuminci˛ a pilari.

- Ah!  sbriűgnatu! comu mi cunsumasti!.... Curri, e va' vidi si cc'Ŕ ancora!

GiufÓ turn˛; ma la tila avÝa vulatu.


GiufÓ e la pezza di tela

GiufÓ di Antonino Squillaci

GiufÓ una ne pensa e cento ne fa.
Una volta la mamma gli disse:
- GiufÓ, ho questa pezza di tela che bisognerebbe tingere; vai dal tintore e lasciagliela per colorala verde o nera.

GiufÓ si mise sulle spalle la pezza ed uscý.
Cammina, cammina e per strada vede un bel serpente grosso e vedendolo colorato di verde disse:
- Mi manda mi madre e vuole tinta questa tela. Domani vengo a ritirarla
e gli lasci˛ la tela

GiufÓ torn˛ a casa e sua madre, appena seppe della cosa, cominci˛ a lamentarsi:
- Ah! Svergognato come mi hai rovinato!  Corri!  e va vedere se c'Ŕ ancora!..

GiufÓ torn˛, ma la tela non c'era pi¨!

 

Palermo
trascritta da Giuseppe PitrŔ
 in Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani

Sommario GiufÓ

www.colapisci.it