Giufà e la sìmula

La Grande Guerra - Nei pressi di Treviso

La matri di Giufà avía 'na picciridda e la vulia bèniri quantu l'occhi soi.
'Nca 'na jurnata s'appi a jiri a sèntiri la Missa; si vôta cu sò figghiu:

- Giufà, vidi ca io vaju a la Missa: la picciridda dormi; còcicci la simulidda i e cci la duni a manciari.

Pigghia Giufà e coci 'na gran pignata di simula; comu fu cotta nni pigghia 'na bella cucchiarata e cci la 'nfila 'mmucca a la picciridda.

La picciridda cuminciau a jittàri sguìddari, ca s'abbruciau, e ddoppu jorna ni muriu, ca la vucca cci fici cancrena.

La matri 'un ni putennu cchiù di stu figghiu; pigghia c'un lignu, e nni lu mannò a lignati.

 


Giufà e il semolino

La Grande Guerra - Nei pressi di Treviso

La mamma di Giufà aveva una bambina e le voleva bene quanto ai suoi occhi.
Un giorno dovendo andare a sentirsi la Messa, si rivolse a suo figlio e disse:
- Giufà, guarda che io sto andando a messa: la bambina dorme, cucina il semolino e, quando si sveglia, le dai da mangiare.

Giufà si mise a cucinare un grande pentolone di semolino  e, appena cotto, ne prese una bella cucchiaiata e la infilò in bocca alla bambina.

La bambina si mise ad urlare per il bruciore e dopo qualche giorno morì perché la bocca le fece cancrena.

La madre, non potendone più di questo figlio, prese un legno e lo mandò via a legnate.

 

Palermo
 trascritta da Giuseppe Pitrè
in Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani

Sommario Giufà

www.colapisci.it