Giufà e quello della berretta

La Grande Guerra - 1916

Giufà di lavorare non aveva voglia e l'arte di Michelazzu gli piaceva molto. Mangiava e usciva di casa e andava in giro a bighellonare.
Sua mamma era avvilita e gli diceva sempre:
- Giufà, ma che maniera è! Non provi a far nulla. Non fai altro che mangiare, uscire e riuscire. Ora, non sopporto più questo andazzo: o vai a guadagnarti il pane o ti butto fuori in mezzo ad una strada.

Stanco dei rimproveri, Giufà un giorno andò al mercato per comprare dei vestiti. Da un mercante comprò una cosa, da un altro ne prese un'altra e si vestì di tutto punto; si comprò, perfino, una bella berretta rossa.
Ma, non avendo soldi,  non pagò nulla di tutto ciò. Diceva ai mercanti:
- Mi faccia credito, che in questi giorni vengo a pagare.

Quando si vestì e si vide ben acconciato, disse:
- Ah! Ora ci siamo! e mia madre non avrà più modo di dire che sono malmesso. Ma, per non pagare i mercanti come debbo fare..... Ora, mi fingo che sono morto e vediamo come finisce...
Si buttò su un letto:
- Muoio! Muoio! sono morto! - e si mise a mani incrociate e piedi a pala.

Sua madre, vedendolo in quel modo sul letto, cominciò a disperarsi:
- Figghioli! Che fuoco grande! E come è accaduta questa disgrazia! Figlio mio!

 Le persone accorse,  sentendo i lamenti straziati della povera donna, la compativano e, quando la notizia della morte di Giufà si sparse, i mercanti si preoccuparono e andarono a constatare di persona. Vedendolo sistemato da morto dicevano:
- Giufà meschino! doveva darmi (per esempio) sei tarì, che gli ho venduto un paio di calzoni..ma glieli benedico e non li voglio!

E tutti i mercanti andavano e gli benedicevano i debiti senza più pretenderli. Il Mercante che gli vendette la berretta rossa,  indispettito,  però si disse:
- Ma io la berretta non gliela lascio!
Andò a trovare Giufà e gli vide in testa la berretta nuova fiammante: Decise di aspettare in chiesa, dove la salma sarebbe stata portata dal beccamorto.  Nascosto in un angolo, aspettò che si facesse mezzanotte.
Mentre il mercante aspettava, entrarono alcuni ladri che dovevano spartirsi un borsa di soldi che avevano rubato.
Vedendoli Giufà si fece ancora più morto nel cataletto e il mercante si rintanò ancora più indietro senza fiatare.
I ladri svuotarono una borsa su una bara e disposero le monete d'oro e d'argento (a quei tempi l'argento scorreva come l'acqua) in tanti mucchietti quanti erano i ladri.
Rimasero dodici tarì e i ladri erano indecisi a chi dovessero toccare. Uno di loro disse:
- Per evitare discussioni, facciamo così: qui c'è un morto, gli spariamo e chi lo prende in bocca si prende i dodici tarì.

- Bella, bella - tutti approvarono

Stavano per prepararsi a sparare su Giufà, quando questi si alzò sul cataletto gridando.
I ladri spaventati lasciarono tutte le cose in tredici e, santi piedi aiutatemi, scapparono di corsa.
Giufà, allora si alzò, e andò di corsa verso i mucchietti di denaro. Contemporaneamente, il mercante, che fino a quel momento era stato in assoluto silenzio,  corse, anche lui, per afferrarsi i soldi.
Basta: si misero d'accordo per prendere metà ciascuno. Ma restavano cinque grana e Giufà disse:
- Questi me li prendo io!

- No! Questi soldi toccano a me - rispose il mercante

A me il cinque grana - disse Giufà

- Lasciali stare! Il cinque grana è mio - ribadì il mercante

- Quà il cinque grana! Voglio il cinque grana! - disse Giufà, afferrando una stanga e minacciando di colpire il mercante

 Nel frattempo i ladri, a cui non andava giù di dover rimetterci i denari, tornarono su i propri passi per vedere cosa facessero i morti. Giunti alla chiesa si misero ad origliare dietro la porta. Sentendo il contradditorio e la gran disputa che c'era fra i due, commentarono:
- Caspiterina! sono finiti a dividersi cinque grana ciascuno e non gli sono neanche bastati i denari. Chissà quanti sono i morti che si sono alzati dalla sepoltura!
Così dicendo, alzarono i tacchi fino al sedere e se la svignarono di corsa per la paura.

Giufà  nella confusione si prese il cinque grana, la borsa con i suoi denari e se ne andò a casa.

 


 Giufá e chiddu di la birritta


Giufà - Lorenzo Mattotti (c)

 Giufà, di travagghiari 'un ni vulia a broru, e I'arti di Michilazzu cci piacìa. Manciava e poi niscía, e java bacchittuniaunu di ccà e di ddà.

'Nca sò matri facia abbili, e sempri cci dicía:
- Giufà, e chista ch'è manera! 'un pigghiari nuddu spirimentu di fari 'na cosa! Manci, vivi, e comu arrinescì si cunta!... Ora iò chista 'un mi la sentu cchiù: o tu ti va' a buschi lu pani, o iò ti jettu 'mmenzu la strata.

'Nca Giufà, 'na vota si nni iju 'nta lu Càssaru, pi jirisi a vêstiri. Nn'ôn mircanti si pigghiò 'na cosa, nna n'âutru mircanti si nni pigghiò n'àutra, 'nsina ca si vistíu di tuttu puntu pi fina a 'na bella birritta russa (ca a ssi tempi tutti javanu cu li birritti; ora lu cchiù tintu mastru va cu tûmminu o puru cu lu cacciottu). Ma Giufà non li pagau sti cosi; pirchì dinari 'un n'avía; dici:
- Mi fa crideniza, ca 'nta sti jorna cci la vegnu a pagu, e accussì cci dicía a tutti li mircanti.

Quannuu si vitti beddu accunciateddu, dici:
- Ahh! ora cci semu, e mè matri 'un havi cchiù chi diri ca sugnu malacunnutta. Ora p' 'un pagari li mircanti com'hè fari ... Ora mi finciu ca murivi e videmu comu finisci...

Si jetta supra lu lettu:
- Moru!, moru!.. murivi!
e si misi li manu 'n cruci e li pedi a palidda.

- Figghioli!, figghioli! chi focu granni! (sò matri si misi a pilari tutta). E comu ma'avviuni stu focu granni! Figghiu mio!...

Li genti sintennu sti gran vuci currevanu, e tutti lì mischiniavanu a sta povira madri. Comu si spargiu la nutizia di sta morti di Giufà , li mircanti lu javunu a vidiri, e comu lu vidianu mortu , dicianu:
- Mischinu Giufà! m'avia a dari (mittemu) se' tarì, ca cci vinni 'un paru di câusi ... Cci li binidicu!

E tutti javanu e cci Il binidicìanu. E Giufà si livù tutti li dèbbiti. Chiddu di la birritta russa nn' appi un so chi di currivu; dici:
- Ma io la birritta 'un cci la lassu.

Va e cci trova la birritta nova framanti, 'n testa; e chi fa? la sira, quannu li beccamorti si pigghiaru a Giufà e lu purtaru a la Chiesa pi poi vurcallu, cci iju pi d'appressu, e senza fârinni addunari a nuddu si 'nfilò 'nta la Chiesa. Ddoppu un pizzuddu trasutu, putia essiri accussì, versu menz'ura di notti, tràsinu e tràsinu 'na pocu di latri; ca javanu pi jirisi a spârtiri un sacchiteddu di dinari ch'avìanu arrubbatu.

Giufà 'un si catamiau di lu catalettu, e chiddu di la birritta si 'ntanò arreri 'na porta senza mancu ciatari. Li latri sdivàcanu supra 'na tavuta li dinari, tutta munita d'ora e d'argentu (ca ssi tempi l'argentu cirria comu l'acqua!) o nni fannu tanti munzeddi quant'erunu iddi.

Arristava un dudici tarì, e 'un si sapia cu' si l',avia a pigghiari primu.

- Ora pi livari quistioni, dici unu d'iddi, facemu accussi: ccà cc'è un mortu, cci tiramu a la merca, e cu' lu pigghia 'mbucca, si pigghia lu dudici tarì.

- Bella bella ! tutti appruvaru.

Eccu ca s'hannu priparatu pi sparairi supra Giufà. Comu Giufà vidi chistu, si susi 'mnzu lu catalettu e jetta un gran vuciuni.

- Morti, arrisuscitati tutti!

Nni vulistivu cchiù di li latri? ! lassanu tutti cosi 'n tridici, e santi pedi, aiutatimi! ca ancora currinu. Giufà comu si vitti sulu, si susi e curri pi li munzidduzza. 'Nta stu mentri nesci chiddu di la birritta, ch'avia statu 'nganatu senza mancu pipitari, o curri pi la tavula p'affirrarisi li dinari. Basta: jeru a mità pr' ornu, e si spatteru ddi dinari. Arristava cincu grina; si vota Giufà:
- Chistu mi lu pigglliu iò.

- No ca li cincu grana tocca a mia. Arrispunni chìddu

- A mia lu cincu grana!

- Vttinni ca nun ti tocca; lu cincu grana è mio!

Giufà afferra, na stanga, e si jetta pi scarricariccilia 'n testa a chiddu di la, birritta; dici:
- Ccà li cincu grana! vogghiu li cincu grana!

A stu puntu li latri stavanu aggirannu pi vidiri chi facianu li morti, ca forti cci parìa appizzàricci tutti ddi dinari. Vannu pi 'ncugnari arreri la porta di la Chiesa e sentunu stu contradittoriu e sta gran battaria supra lu cincu grana. Dici:
- Minchiuni! a cincu grana l'unu jeru, e li dinari mancu cci abbastaru. Cu' sa quantu su' li morti chi nsceru di la sepurtura!...

Si mettinu li tacchi 'nta I'eccetera, e si la cògghinu. Giufà si pigghiò li cincu grana; si càrrica lu sò sacchiteddu di dinari e si nni va a la casa.

 

Palermo

Sommario Giufà

www.colapisci.it