Altre versioni: Giu e le stelle, GiufÓ e il re

GiufÓ e quello della scommessa

La Grande guerra - Nei pressi di Treviso

C'era una volta un signorotto che volle levarsi un capriccio.
Durante l'inverno  disse ad un tizio:
- Se tu te la senti di passare una nottata in spiaggia, nudo come tua madre t'ha fatto, ti dar˛ cento onze, se sarai ancora vivo alla mattina; se all'alba sarai morto vuol dire che hai perso le cuoia.

Accettata la scommessa, il signorotto mise due guardie a sorvegliare il tizio:
- Sorvegliate costui - disse

Durante la notte pass˛ un bastimento.
Il povero tizio, che era sulla spiaggia, stese, allora, le mani come se si volesse scaldare al lume dell'imbarcazione.

All'indomani, in presenza del signorotto, le guardie riferirono ci˛ che avevano visto:
- Signore, tutta la notte l'ha trascorsa nudo senza scaldarsi, ma, a mezzanotte Ŕ passato, a cento miglia a mare, un bastimento con un lume acceso e lui ha steso le mani e si Ŕ scaldato.

Rivolgendosi al tizio della scommessa, il signorotto disse:
- Avete perso! Vi siete scaldato ed avete perso la scommessa!.

Il tizio della scommessa si mise a piangere e and˛ a trovare GiufÓ.
GiufÓ chiese:
- Che hai che piangi?

Il tizio:
- Stanotte, un signorotto si Ŕ voluto prendere un capriccio.. E' passato un bastimento e solo perchÚ io ho steso le mani cosý, dice che io mi sono scaldato e che ho, quindi, perso la scommessa!.

GiufÓ gli disse:
- Non aver paura: ci penso io! Ma, dimmi ci dividiamo i soldi se io vinco per te?..

- Si

Allora GiufÓ compr˛ uno zimmili di carbone e un castrato. Mise il carbone acceso a Scappuccini, un capo di Trapani, e una graticola con il castrato a Loggia, ma rivolta verso Scappuccini. Si mise, quindi, a girare sotto e sopra il castrato, come se lo stesse cucinando, ma senza fuoco sotto.
Le persone, vedendo fare queste operazioni a quell'ingnorantone di GiufÓ, chiesero come mai il fuoco era a Scappuccini e il castrato a Loggia. GiufÓ rispose:
- Non vedete!, Faccio arrosto il castrato

Nel frattempo pass˛ di lÓ il signorotto della scommessa e disse:
- Che fai, GiufÓ?

- Cucino questo castrato

- E il fuoco dov'Ŕ

- A Scappuccini

- E come Ŕ possibile, animale?

- E signore e vero animale - disse GiufÓ - come pu˛ essere mai che quel tizio si scaldava con il lume di un bastimento a cento miglia fuori? Come non si pu˛ arrostire questo castrato, non si poteva scaldare quel tizio!

GiufÓ raccont˛ tutti i fatti alla gente che si era radunata attorno e il signorotto fu costretto a pagare la scommessa.


GiucÓ e chiddu di la scummissa

Cc'era 'na vota un prupriitariu, e si pighiau un crapýcciu.

'Ntempu di 'immernu cci dissi a un 'ndividu:
- Si tu ti fidi di scurari cÓ supra la rina vicina du mari comu ti fici t˛ matri, ti dugnu cent'unzi quannu agghiorni vivu; s'agghiorni mortu, perdi lu c˛riu.

A stu fattu cci misiru guardii
- GuardÓti a chistu!

Di notti tempu passa un bastimentu. Ddu poviru mischinu chi era a la spiaggia, stinnÝu li manu comu si s'avissi vulutu quadiari cu lu lumi di lu bastimentu.
Jurnýau la matina; rifireru li guÓrdii a lu prupriitariu:

- Signuri, tutta a notti la fici nudu; ma a la menzannotti passau un bastimentu cu lu lumi, centu migghia a mari, e iddu si quadiau.

Risposta di tu prupriitariu a chiddu di la scummissa:
- Aviti persu: vi quadiÓstivu, e pirdistivu la scummissa.

Chiddu chi persi la scummissa si mittÝu chiancennu e iju nni GiucÓ.
Dici GiucÓ:
- Chi hai ca chianci

Dici:
- Stanotti cci fu chiddu tali chi si pigghiau stu crapýcciu, e pirchý passau lu bastimentu, e io fici accussý cu li manu, dici ca mi quadiÓi. Comu p˛ essiri chýstu?... E ora io persi la scummissa!

GiucÓ cci arrispunni:
- 'Un ti scantari: ccÓ sugnu i˛. Ma dimmi: nni li spartemu li picciuli si i˛ vinciu pi tia?

- Si

Eccumi ca GiucÓ accattau un zimmýli di carvuni e un crastu, e misi lu zimmuli di carvuni addumatu a un capu di Trapani a li Scappuccini; pigghiau 'na gradigghia, e la misi a dirizioni di lý Scappuccini a la Loggia. Pigghia stu crastu , e lu misi supra la gradigghia, e lu focu lu misi a li Scappucini; e misi a firriari ddu crastu senza focu. Tutta l'aggenti videnni a sta bestia fari st'operazioni, lu castru a la Loggia e lu focu ali Cappuccini, cci spiavuni chi facia; e GiucÓ cci dicia:
- Arrustu stu castru

Eccu chi passa chiddu di la scummissa; dici:
- Chi fai, GiucÓ

- Arrustu stu crastu

- E lu focu unn'Ŕ?

- A li Scappuccini!

- E comu, armali

- E misseri e armali veru - dici GiucÓ - comu p˛ essirii mai ca chiddu si quadiava cu lu Iumi di lu bastimentu centu migghia arrassu? Comu 'un si p˛ arrustiri chistu, 'un si putia quadiari chiddu.

A stu fattu GiucÓ cuntau tutti cosi a li genti, e chiddu cci appi a dari la scummissa.

 

Trapani
 trascritto da Giuseppe PitrŔ
 in Fiabe, novelle, racconti popolari siciliani

Sommario GiufÓ

www.colapisci.it