Racconti di GiufÓ

La Grande Guerra - Nei pressi di Treviso

GiufÓ una volta and˛ a raccogliere legna; come lui andarono a raccogliere legna tanti altri ragazzi. Questi raccolsero la loro legna e se ne andarono, lasciando GiufÓ a fare le sue.
Quando GiufÓ termin˛, si incammin˛ lemme lemme verso il paese. Strada facendo, mentre passava vicino una grotta, si sentý stanco e si ferm˛; gli venne di fare la pipý e fece quattro rivoletti. Vedendoli, GiufÓ disse:
- Correte, correte, che vi conosco!

Nella grotta c'erano dei ladri, che sentendo quella frase, scapparono. Vedendo quelle bestie scappare GiufÓ disse:
- Oh chi sono quegli animali! di me si sono spaventati!

GiufÓ prese il suo mazzo di legna e scese nella grotta e trov˛ una pentola che bolliva. Prese un pezzo di carne e uno di pane e si mise a mangiare. Poi, and˛ a cercare i soldi dei ladri e si prese un bel sacco di monete d'oro, li mise assieme alla legna in groppa e se ne and˛ per Trapani.

Presentandosi alla porta di Trapani, il guardiano gli chiese:
- GiufÓ, che porti?

- Legna - rispose e se ne and˛ a casa di sua mamma. Mentre stava salendo per il cortile e sua mamma parlava con i vicini, GiufÓ disse:
- Mamma, entrate

- Oh! - disse - sei tutto stanco, GiufÓ

- Venite quÓ, state zitta

GiufÓ disfa il mazzo di legna e consegna il sacco di monete d'oro alla madre. Sua mamma, per niente scema, lo nascose e disse:
- Non parlare, sai! perchÚ se la Giustizia viene a saperlo ci mette in galera entrambi.

Mentre GiufÓ dormiva, la madre prese uva passita e fichi secchi, salý sul tetto e cominci˛ a buttarli sopra GiufÓ.

Quando GiufÓ si svegli˛ e vide l'uva passa disse:
- Mamma, mamma!

- Che vuoi?

- Qui ci sono fichi secchi e uva passita

- Prendili, figlio mio! E' il Signore che ce li manda!

Un giorno madre e figlio si misero a litigare.

- Donna cattiva, dammi i soldi che ti avevo portato, altrimenti mi arrabbio e mi rivolgo ad un giudice!

La madre non ne volle sapere di ridare i denari, cosý GiufÓ si rivolse al giudice:
- Signor giudice ho portato a mia madre un sacco di denari e lei non vuole ridarmelo indietro!

Il giudice convoc˛, allora, la madre. Questa dovendo andare in tribunale disse a GiufÓ:
- GiufÓ sono stata chiamata dal giudice. Appena usciamo, tirati la porta!

GiufÓ, bestia com'Ŕ, scardin˛ la porta, se la mise in groppa e si rec˛ dal Giudice insieme alla madre.

Quando giunsero, il giudice disse:
- Voi dovete dare i soldi a vostro figlio!

- Eccellenza, non vede che mio figlio Ŕ un pazzo? Chi ha la porta in groppa?

GiufÓ disse allora:
- Signor giudice, per questa porta Ŕ piovuto uva passa e fichi secchi.

 Il giudice, di fronte a tanta dabbenaggine, disse:
- PerchÚ venite da me? Non vedete che Ŕ matto!


Cunti  di  GiufÓ

Itala Superiore - Fontana

GiufÓ 'na vota iju a ligna; comu iju a ligna era cu tanti picciotti. Chiddi ficiru lu s˛ mazzu di ligna e iddu arristau ddÓ. Quannu si fici li so' mazzi di ligna, si nni vinni catÓmmari catÓmmari a lu paisi. Camminu facennu, stava pýgghiannu pi 'na grutta, era stancu e pusau; e cci vinni di pisciari, e fici quattru výola.

- Curriti, curriti , chi vi canusciu; - cci dissi GiufÓ.

DdÓ sutta cc'eranu latri, e si misiru a curriri. Eccumi vidennu a ddi bestii curriri dici:
- Oh chi f˛ru bestii ! di mia si scantaru!

Pigghia lu mazzu di ligna e si li scinni 'nta la grutta. Vitti ddÓ lu quadÓru chi vugghia; attrappa un pezzu di carni e un pezzu di pani, e mancia. Pigghiau e iju pi circari li picciuli, e si pigghiau un bellu saccu di munita d'oru; 'nfasciau arrŔ li ligna, e jisau, e si nni vinni pi Trapani.

Trasennu la porta, dici (unu di chiddi di la porta):
- GiufÓ, chi porti?

- Ligna - e si nni iju 'n casa di s˛ matri.

Mentri stava salennu lu curtigghiu, s˛ matri parlava cu li Vicini. Dici GiufÓ:
- Matri, trasiti

- Oh ! dici, tuttu stancu si', GiufÓ?

- Viniti ccÓ; zittýti

SpÓscia lu mazzu di ligna e ccj cunsigna lu saccu di la munita d'oru a s˛ matri. S˛ matri, nenti minchiuna, l'ammucciau e cci dÝssi:
- 'Un parrari, sai! pirchý si la Liggi tu sapi, nni manna 'n galera a tutti dui.

S˛ matri iju a pigghiari pÓssuli e ficu sicchi, acchiana supri li cýaramiti , e iddu era 'nta lu lettu addummisciutu. EccumÝ chi s˛ matri pigghia fica e pÓssuli, e cci li jetta di supra.

Sta bestia quannu s'arruspigghiau e vitti sti pÓssuli:
- Matri matri!

- Chi vuoi!

- Ccß cci su' pÓssuli e ficu.

- Pigghiali, figghiu miu, ca lu Signuri chiovi..

'Na vota si sciarriaru tuttidui, la matri e lu figghiu.

- Misseri e bujanazza ! datimi li picciuli chi purtai , mann˛ arricurru!

La matri 'un ni vosi sŔntiri nenti; eccumÝ ca GiufÓ iju a'rrýcurriri nni lu Judici:

- 'Ccilienza, cci purtai un saccu di munita d'oru a mŔ matri, e ldda 'un mi Ii voli dari

La matri di GiufÓ fu chiamata di lu Judici.
- GiufÓ, io fu' chiamata di  lu Judici; tirati la porta.

'Pigghia sta bestia, si purtau la porta 'n c'oddu 'nt' ˘ Judici.

Lu Judici dici:
- Vui cci aviti a dari li picciuli a vostru flgghiu.

- 'Ccillenza, 'un lu vidi ca' mŔ figghiu Ŕ foddi; ca purt˛ la porta 'n coddu ?

Risposta di Giucß:
- Signuri, pi tali signali chiuviu tannu pÓssuli e ficu sicchi.

Risposta di Iu Judici:
- Chi viniti ccÓ? 'Un viditi ch' Ŕ foddi?

 

Trapani
Trascritto da Giuseppe PitrŔ
in Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani

Sommario GiufÓ

www.colapisci.it