Canta-la-notti

Campanile astronomico di Messina - Il Gallo

'Na vota la matri di GiufÓ aveva un gaddu. 'Na jurnata lu cuciu e si lu manciaru a tavula. GiufÓ, ca nu nn'avia manciatu mai, cci piacÝu e cci spijau a s˛ matri: comu si chiamava.
S˛ matri cci dissi:
- Canta-la-notti.

'Na siritina GiufÓ vitti un puvireddu chi cantava darreri 'na porta; pigghia un cuteddu, cci I'azzicca 'nta tu cori, si lu cÓrrica e si lu porta a la s˛ casa, e cci dici a s˛ matri:
- Mamma, I'haju purtatu lu Canta-la-notti

La matri vidennu a ddu mortu si misi 'n cunfusioni, e pigghia lu rnortu e lu jetta 'ntra lu puzzu.
La Giustizia accuminzau a circari di chiddu ch' avia statu ammazzatu; e GiufÓ cci dissi ca l'aveva ammazzatu iddu e ca cci l'avia purtatu a s˛ matri pi fariccillu c˛ciri. La matri comu sappi sta cosa subbitu scanna un crastu ch'avia, e cci lu jetta supra lu mortu nna lu puzzu. Nna mentri, veni GiufÓ cu la GiustizÝa. Idda spija si GiufÓ avia purtatu un mortu; e s˛ matri cci dici, ca avia purtatu un crastu fýtusu, e cci l'aveva jittatu 'nta lu puzzu.

Unu di la Giustizia si cala 'nta lu pozzu e tuccannu tuccannu vitti pilu. E cci spijau a li parenti di lu mortu ca eranu supra:
- Chi Ŕ? pilusu?

- Forsi 'nti lu pettu.

Tuccannu tuccannu vidi quattru pedi.

- Chi havi quattru pedi?

- Havi du' pedi e du' manu.

Tantiannu tantiannu vidi ca havi du' corna e spija:
- Ch'avýa du' corna?

Ddocu s'addunanu ch'era buffuniata.


Canta la notte

Campanile astronomico di Messina - Il Gallo

Una volta la mamma di GiufÓ cucin˛ un gallo e tutti a tavola lo mangiarono. A GiufÓ, che non lo aveva mai mangiato, piacque molto e volle sapere dalla madre come si chiamava.
La madre disse:
- Canta-la-notte

 GiufÓ una sera vide un poveraccio che cantava dietro  una porta, prese un coltello e glielo ficc˛ nel cuore. Poi si caric˛ sulle spalle il poveraccio e se lo port˛ a casa e disse a sua madre:
- Mamma ho portato un Canta-la-notte

La madre, vedendo il morto, entr˛ in confusione e decise di buttarlo nel pozzo.

La giustizia si mise alla ricerca dell'uomo morto e GiufÓ raccont˛ che l'aveva ucciso lui e che l'aveva portato alla madre per cucinarlo.
La madre , appena venne a sapere della confessione di GiufÓ, prese un castrato che aveva lo scann˛ e lo butt˛ sopra il morto nel pozzo.
Nel frattempo i gendarmi si presentarono a casa e chiesero alla madre se era vero che GiufÓ avesse portato a casa un morto.
La madre rispose che GiufÓ aveva portato a casa un castrato puzzolente e che le l'aveva buttato nel pozzo.

Un gendarme si cal˛ nel pozzo per controllare e tastando al buio trov˛ del pelo. Allora, chiese  ai parenti del morto che erano sopra:
- Che Ŕ, peloso?

- Forse nel petto - risposero i parenti

- Ha quattro piedi? - chiese il gendarme

- Ha due piedi e due mani - risposero sopra

Il gendarme guardando e toccando sentý che il presunto morto aveva due corna e chiese:
- Aveva due corna?

Su questa domanda tutti si convinsero che si trattasse di una buffonata.

 

trascritto da Giuseppe PitrŔ
in Fiabe, novelle e racconti popolari
siciliani

Sommario GiufÓ

www.colapisci.it