Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaI ricordi di Colapesce: le Ricette Messinesi

La ricetta in versi  di Gianni Argurio

Piscistoccu 'a ghiotta

Duomo di Messina e fontana di Orione

Ffirrati 'na patedda e suffrijti
patati novi quantu pò bastari,
a pizzittuni e comu li vuliti,
ncuminciastu e la ghiotta si pò fari.

Dopu chi rusulati boni e beddi
mittitili di parti e 'na pignata,
rito mentri e ccà mmulati li cuteddi...
lu piscistoccu e 'na bona sciugata .

Nta n'autra cassalora l'ogghiu finu,
cipudda,jaccia, e ghiàppiri cchiù fini,
girati a focu lentu e ddà vicinu
calati 'u piscistoccu senza spini

Arriminannu tutti 'i conzi annati,
attenti e a rummuliari ca cucchiara,
dopu tutti 'i patati ci calati
e tanta pumadoru duci e para.

Lassati còciri e lu cuntrullati
lu piscistoccu pá bona cuttùra ...
tinennu d'occhiu puru li patati,
curriti chi si fannu nta menz'ura.ù

Ssaggiati 'u zzucu picchì s'è scunnutu
ci voli n'autra picca d'ogghiu e sali,
accussì è tuttu a postu è già finutu ...
bonu pitittu a tutti 'i cumminzali.


Gianni Argurio

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it