www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaAltri amici di Cola: Sara, voce e cuore della Sicilia

Ti cuntu un cuntu di mari...

Di unni veni stidda di mari?
di li profunni?
e ti firmasti cca', nni mia?
allura resta n'anticchedda, cu la facci a lu suli,
e cuntami un cuntu, ......macari....un cuntu di mari....!

Capo Scaletta

allura....

C'era na vota
na picciridda, nica, nica ca stava nto nghiardinu: iucava mmenzu all'erba assicutannu sirpuzzi, santanicola e circannu babbaluceddi ca poi purtava a so' matri....rui, tri, quattru, cincu...... pi cucinalli.... ci piacia fari accussi'.

Stava sempri fora, a pedi nterra, currennu tuttu u iornu, e cantava, cantava sempri finu a chi u suli scumpareva darreri a dda' muntagna lassannu un celu russu e chiaru comu un brillanti a lu scuru....

Na stati, so' patri la vosi purtari a mari; idda mai ci avia statu...

si iu a curcari prestu dda sira....mancu aspitto' ca u brillanti nto celu scumparissi pi fari postu o’  lustru ra luna...

si iu a curcari, spirannu ca a notti passassi prestu, ca u suli spuntassi anticchedda chiu' prima.... macari...

dumani vireva u mari.......!

ma un potti dormiri....ci avianu cuntatu ca nto' mari c'eranu i pisci, ri tutti i culura: ceranu i varchi, c'era ciavuru....,

Si ricurdo' ca n' ton libru avia liggiutu ca c'eranu i sireni, i baleni, i stiddi di mari cu cincu punta e idda si nni vuleva piscari una....ci avianu cuntatu ca u suli a mari c'era sempri...puru n'ton nvernu....a idda ci piacia assai a stati...

s'addummisciu, nsunnannusi pisci, mari, varcuzzi e piscatura.

Spunto' lu jornu, so' patri la purto' a mari...u cori ci tumpuliava dintra u pettu, facennu savuti.....

Nica, nica, li pinnulara logni logni, ci sbattuliaru supra l'occhi scuri sgranati....si scanto'....

U mari era granni, troppu granni, mmensu; idda lu talio' scantata, senza parrari, sintennusi cchiu' nica...nica, nica

Stetti a taliallu assittata senza muvirisi, senza parrari pi tutta a matinata....sutta o suli cucenti, tantu ca la notti un potti dormiri pi comu  l'avia abbrusciata....e stetti n'to scuru cu l'occhi ca ci luccichiavanu a pinsallu o mari....

tutta ‘a notti, o scuru....


Ti narro un racconto di mare

Da dove vieni stella di mare?
dal fondo? E ti sei fermata qui, da me?
Allora, rimani un pochino, con la faccia al sole
e raccontami un racconto…magari,..uno di mare..

Capo Scaletta

Allora:

C’era una volta una bambina, piccola piccola che abitava in un giardino: giocava in mezzo all’erba inseguendo lucertole, coccinelle e cercando lumachine che poi portava a sua madre..due, tre, quattro, cinque…per cucinarle; le piaceva fare cosi’…

Stava sempre fuori, a piedi nudi, correndo tutto il giorno e cantava, cantava sempre fino a che il sole scompariva dietro la montagna lasciando il cielo rosso e chiaro come un brillante al buio…

Un’estate suo padre volle portarla al mare; lei non c’era stata mai…

Si corico’ presto quella sera…neanche aspetto’ che il brillante nel cielo scomparisse per fare posto al chiarore della luna…

Ando’ a dormire sperando che la notte passasse presto, che il sole spuntasse un pochino prima….magari…..
domani avrebbe visto il mare…

Ma non pote’ dormire…le avevano raccontato che nel mare c’erano pesci di tutti i colori: c’erano le barche, c’erano gli odori…

si ricordo’ che in un libro aveva letto che c’erano le sirene, le balene, le stelle di mare con cinque punte e lei voleva prenderne domani una per se’…

le avevano raccontato che il sole al mare c’era sempre, anche in inverno…a lei piaceva l'estate.

Si addormento’ sognando pesci, mare, barchette e pescatori.

E venne giorno, il padre la porto’ al mare…il cuore le batteva forte dentro il petto, facendo salti…

piccola, piccola, le ciglia lunghe che sbattevano sopra occhi scuri, sgranati……si spavento’….

Il mare era grande, troppo grande, immenso; lo guardo’ spaventata, intimorita, senza parlare, sentendosi ancora piu’ piccola, troppo piccola.

stette a guardarlo tutta la mattinata senza muoversi…sotto il sole, tanto che la notte non pote’ dormire per come si era bruciata; e stette al buio con gli occhi aperti che luccicavano a pensarselo il mare…

Per tutta la notte…al buio.

Capo Scaletta

Sara Cappello
la musica del sole