www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaAltri amici di Cola: Sara, voce e cuore della Sicilia

Una pesca fortunata

Capo Scaletta - Stretto di Messina

Jìll cominciò a filare in mare le nostre due lenze per la pesca a strascico. Una era munita di un divergente come un paramine in miniatura, che portava il brillante amo girevole alla profondità in cui speravamo che stessero i pesci grossi. L'amo dell'altra era un affaretto piccolo, ma essendo montato su una grande canna a mulinello, da pesca grossa. qualsiasi preda sì sarebbe potuta portare in barca, manovrando secondo le buone regole

- Sciocchezze! - disse Hugh. - Impiegheresti meglio il tempo a far pulizia in cucina. Non prenderai niente in quest'acqua sporca. 

- Eccone uno! Oh, è andato! - disse Jill, tutto d'un fiato.

Guardai la sua lenza. L'amo era sparito, e lei si era tagliata dove la lenza le aveva preso il dito. 

- Probabilmente sì è agganciato al fondo - fu l'unico commento di Hugh. 

Poi un formidabile strattone alla lenza col divergente, e un altro amo perduto. 
- Siano quel che siano, sono grossi - dissi e, preso un galleggiante di plastica, lo legai all'estremità della lenza. 

- Se non sei in grado di trattenerla in mano, Jill, getta il gavitello in acqua, e andremo a prenderlo quando il pesce si è stancato. 

Intanto, con un frullio sibilante, la lenza filò via sul mulinello della canna. Non volevo correre rischi. Avevamo ammainato le vele da un pezzo e andavamo a motore, ma io lo spensi e lasciai che il Charon perdesse l'abbrivo. Lentamente, avvolsi la lenza. Hugh aspettava col rampone, e fece balzare il pesce nel pozzetto con un giro esperto del polso. 
Il pesce era come impazzito e il sangue schizzò in tutto il pozzetto; un rapido Colpo in testa con una mazzuola pose fine alla cosa, ed esaminammo la nostra preda. 
Di circa quattro chili e mezzo, sembrava un incrocio fra il tonno e lo sgombro; ma non avemmo tempo di stare ad ammirarlo, la lenza col divergente diede uno strattone e Jill la lasciò andare col gavitello.


T. Falcon-Barker
 L'oro del diavolo
Mursia Ed.

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it