Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaI ricordi di Cola: Magie dello Stretto

La fata Morgana e Ruggero il normanno

È tradizione in Messina che Ruggero il normanno, un giorno dell'anno 1060, passeggiava solitario su una spiaggia della Calabria e guardando la costa peloritana meditava sul modo migliore per poter conquistare la Sicilia, allora occupata dagli Arabi che ne avevano fatto una terra musulmana ricca e prosperosa.

(..)

Era così intento a meditare su queste cose e a respirare l'intenso odore di zagara che proveniva dagli aranceti in fiore, quando dalla costa siciliana gli parve udire una marziale musica di guerra, intramezzata da lamenti e sospiri di schiavi, e da imprecazioni pagane. Ruggero si fermò incuriosito.
Abitava lì nei pressi un vecchio eremita, che godeva fama di saggezza. Ruggero vi si diresse e, dopo averlo cortesemente salutato, gli domandò notizie su quel fatto così misterioso ed insolito.
L'eremita allungò il braccio e con un dito gli indicò la costa siciliana.

- Lì gli aranci sono in fiore..
.
- gli disse - Lì c'è musica ma anche pianti... Lì ballano i saraceni e piangono i cristiani in schiavitù! Dicono che sei potente e cristiano... Perché non combatti e muori per la tua fede?

Ruggero rimase in silenzio. Continuando i suoi passi si venne a fermare poco lontano, sempre pensando alla Sicilia e al suo modesto e povero armamento di guerra.
D'un tratto, davanti a lui, il mare prese a ribollire. Un cerchio di spuma apparve alla superficie e da essa sporse la testa una bellissima fata, la fata Morgana che è ritenuta sorella carnale del re Artù d'Inghilterra.
Essa ha nel mondo varie regge ma qui, proprio in mezzo allo Stretto, ha il suo più bello e antico palazzo, meta di tutte le fate e delle buone maghe del Mediterraneo.

Stretto di Messina Visto da Scaletta Zanclea

Essa, a poco a poco, emerse anche con il corpo e allora Ruggero la vide salire su un cocchio bianco-azzurro appena comparso e, al tiro, vi si misero sette cavalli bianchi e azzurro-criniti, pronti e impazienti di lanciarsi in una folle corsa sopra le acque.
Stava la fata per muoversi verso sud, quando sulla costa vicina vide il pensoso Ruggero passeggiare a passi lenti.
- Che pensi, o Ruggero? - gli gridò Morgana dirigendosi alla sua volta - Se è come immagino, salta sul mio cocchio e subito ti porterò in Sicilia, assieme ad un possente esercito...

Ruggero sorrise e salutò Morgana con deferenza e rispetto. Poi, gentile ma con fermezza rispose:
- Io ti ringrazio, o Morgana, ma non posso accettare il tuo aiuto. Ma se la Madonna che amo e i santi che mi proteggono mi daranno la loro benedizione, io andrò alla guerra sul mio cavallo e trasporterò l'esercito con le mie navi e vincerò per valore e non per gli incantesimi di una fata.

Allora Morgana agitò tre volte in aria la sua verga magica e in acqua lanciò tre sassi bianchi.
- Guarda, o Ruggero, la mia potenza!...- E in quel punto apparvero sull'acqua case e palazzi, strade e ville, e meravigliosamente tutta la costa siciliana apparve così vicina da poter essere raggiunta solo con un piccolo salto.
- Eccoti la Sicilia! Salta su di essa, raggiungi Messina ed io farò in modo che in essa troverai il più forte e il più numeroso esercito che tu abbia mai avuto in battaglia...

Ruggero, pur meravigliato da tanto incantesimo, sorridendo, rifiutò ancora l'offerta.
- O Morgana! Tu sei una grande fata, degna della stirpe da cui discendi. Ma non sarà con l'incantesimo che io libererò la Sicilia dal paganesimo. Essa mi sarà data da Cristo nostro signore e da sua madre, la Vergine Maria che io ho già scelto e adottato come madre mia divina. Ma grazie, per il pensiero...

Morgana non attese di più. Era una buona fata e perciò rispettava tutte le convinzioni, anche quelle religiose, pur se lei, ovviamente non credeva né alla Madonna né ai Santi.
Agitò nuovamente in aria la sua bacchetta magica e i castelli, le strade e le ville sparirono di colpo.

- Via, cavalli!
- gridò ridendo di gioia nel sole che inondava di luce e di calore le due sponde dello Stretto. 

E il suo cocchio si mosse veloce trainato dai bellissimi suoi cavalli azzurro-criniti, perdendosi in breve verso il sud dell'isola, verso le spiagge dell'Etna.

(..) 

Leggi per intero in
 Miti e leggende di Sicilia
Salvino Geco
Dario Flaccovio Editore

Forte San Salvatore - Messina

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it