Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaI ricordi di Colapesce: Fatti di cuore

La fosforescenza marina

Alessio e Ivan, giovani pescatori, amavano Nai. Non aveva, Nai, un viso troppo bello. Pallidissima, fragile, gentile, sorrideva dolcissimamente. La sua chioma, però, era superba: folta, lunga, bionda.
- Ti sei messa il sole in testa – diceva Alessio, sospirando.

- Il sole, il sole – ripeteva Ivan e, a sua volta, sospirava.

Nai si faceva sempre più pallida, e quei suoi occhi languidi, che parevano un lembo di cielo nordico, si velavano, a volte, di sogno.
Alessio, un giorno, le rivelò i suoi sentimenti e le chiese la mano.

- Grazie, amico mio. Non posso risponderti subito.

Alla gentilissima fanciulla bionda si presentò Ivan:
- O bella, ti amo.

- Perché mi ami?

- Per la chioma che è un fascio di luce.

- E poi?

- Non basta? Hai capelli da dea. Illuminerebbero la notte più tetra.

- Diventeranno bianchi, i miei capelli, e allora?

- Allora... Non pensiamoci. Siamo giovani. Dimmi: vuoi sposarmi?

- Ci penserò.

Nai chiamò Alessio e gli chiese:
- Perchè mi ami?

- I tuoi capelli smaglianti mi esaltano. Li ho dentro l’anima come una lampada. Anche il mare notturno risplenderebbe sotto il serico manto della tua chioma.

- Che diventerà il tuo sentimento, o Alessio, quando il tempo getterà sulla mia testa d’oro, la neve della vecchiaia?

- Non pensarci. L’inverno è ancora lontano. Accetti di diventare mia moglie?

- Anche Ivan mi ama.

- E tu?

- Forse risponderò a lui ciò che rispondo a te. Dimenticami... starò sola, io, con la mia nostalgia, con la mia pena.

- Dici delle cose folli. Hai il cuore di sasso, dunque? Dal momento che anche il mio amico è innamorato di te, scegli fra me e lui: chi preferisci? Sii sincera.

- Non posso, non posso.

- Ho capito. Sei indecisa. Oppure... non osi dirmi la verità. Ma la verità, è sempre preferibile al dubbio. Per toglierti dall’imbarazzo, ti faccio una proposta. Parlerò a Ivan. Quando sarà, scesa la notte, io e lui ci recheremo in barca vicino allo scoglio sul quale sorge la tua casina e tu, a gran voce, ci rivelerai la tua decisione. Ti prometto, anche a nome del mio amico, che tale decisione sarà rispettata.

- Va bene.

Nai scappò, col suo cuore greve, con la sua chioma solare. Voleva essere amata per la sua anima, non per i suoi capelli. L’anima non conosce l’umiliazione della vecchiaia. È eterna, divina: luce senz’ombra. Andò a rifugiarsi nella sua piccola casa. Si affacciò all’unica, finestra e, con l’anima, con gli occhi sul mare infinito, aspettò la notte.
E la notte discese, lieve e triste. Il cielo e l’acqua non si vedevano. Lontani l’uno dall’altro, chiusi nel loro dolore eterno. Così estranee, quando cade la notte della vecchiaia, sono due creature che l’illusione della materia e non la verità dello spirito ha unito.

Alla pena buia di Nai, arrivò, a un tratto, la trepida voce di Alessio.
- Hai deciso, bella?

Ivan chiese, con voce che scivolò patetica nell’infinito:
- Chi di noi dovrà piangere, o Chioma d'oro?

- Nessuno pianga rispose la fanciulla. – Dividetevi i miei capelli. Ecco: me li sono recisi e li getto nel mare.

Fu come un miracolo. L’acqua, al contatto della chioma meravigliosa, assunse una luce abbagliante.

Ebbe origine, così, il poetico fenomeno della fosforescenza marina.

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it