Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Notte di  maggio

Torre Faro

Notte di maggio e luna piena
cos bianca da imbiancare la notte,
e tanto calma e ferma che le note
degli usignoli facevano l'altalena.

Il trabaccolo in valle all'ancoraggio
con le vele che sospiravano al vento;
il cielo verde senza firmamento
e, con il salmastro, il buon odore di maggio.

Sotto prua dormiva l'equipaggio:
io ubriaco di luna, su in coperta;
facevo con quel canto un lungo viaggio
tra cielo e mare nella notte deserta.

Di tanto in tanto il mare, che era nero,
ansava forte contro la carena,
preso dal sogno della luna piena,
commosso forse da quel canto allegro.

Andata cos la notte di Fontane,
la luna, gli usignoli, il mare sognante,
fin che si teso l'arco delle alzane,
e poi le vele al vento di levante.

 

Biagio Marin


Note de magio

Torre faro

Note de magio e luna piena
ma cuss bianca da imbianc
la note, e tanto calma e ferma che le note
dei rusignoli fva l'altalena.

El trabacolo in vale a l'ancoraggio
col' le vele che suspireva 'l vento;
el sielo verde sensa firmamento
e, co' 'l salmastro, el bon odor de magio.

Soto prova dormiva l'equipaggio:
me, 'mbriago de luna, su in coverta;
me fvo co' quel canto un longo viagia
fra sielo e mar ne la note desrta.

De tanto en tanto el mar, che 'l gera negro
anseva forte contro la carena,
ciapo dal sogno de la luna,
comosso forsi de quel canto alegro.

'Ndagia cuss la note de Fontane,
la luna, i rusignoli, el mar sognante,
fin che s'ha teso l'arco de le alsane,
e po le vele al vento de levante.

 

Biagio Marin

Tirreno - Santo Saba 2003 - Alberto Biondi

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it