Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Nino Martoglio

Partennu pri mari

Porto di Messina - Partenze

Addiu, munnu ‘ngannusu e tradituri,
ju tio salutu e partu pri lu mari,
nuru lu pettu, vrazza e pedi nuri,
ccu la natura vogghiu cuntrastari.
Megghiu timpesti, megghiu riuturi,
e di li pisci fŕrisi magiari,
chi sňffriri li peni di l’amuri
e di lu ‘ngannu li turmenti amari.
Addiu pri sempri, addiu! Troppu duluri
mi costi, munnu, e non ti pozzu amari;
scava pri tutti lo to’ sipurturi,
ma l’ossa mei non ti li vogghiu dari;
dintra lu mari, virdi di culuri,
‘ntra l’unni so’ mi vogghiu ripusari !

 

Nino Martoglio
Centona
(1899 - 1907)


PARTENDO PER MARE

Porto di Messina - Partenze

Addio, mondo ingannevole e traditore,
io ti saluto e vado via per mare,
nudo il petto, braccia e piedi nudi,
con la natura voglio contrastare.

Meglio tempeste, meglio turbini,
e dai pesci farsi mangiare,
che soffrire le pene dell'amore
e dell'inganno i tormenti amari.

Addio per sempre, addio ! Troppo dolore
mi costi, mondo, e non ti posso amare;
scava per tutte le tue sepolture,
ma le mie ossa non te le voglio dare;
dentro il mare, verde di colore,
tra le sue onde mi voglio riposare !

 

Nino Martoglio
Centona
1
899 - 1907

Traduzione a cura di Paolo Lantieri

Itala Marina

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it