Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaI Ricordi di Colapesce: 100 e più Lune

Luna  chiantigiana

Peloritani

Fiamma che tra le dita si consuma
non ho voglia di andarci sulla luna
che se un giorno arrivassi a calpestarla
sfuggirebbe al traguardo dei miei monti
e su di lei vagando non vedrei
più la luna spuntare all'orizzonte.

Ma quando incerto il lume suo balugina
tra gli sterpi a metà della collina
oh quanto mi è vicina !
Tutta la terra vibra come un organo
e si solleva, è un ventre che matura…
Che fare se da tempo ogni certezza
s'oscura ?

Tu lontana, vicina sei, nascosta
riappari nuda, gravita del tuo peso
nell'etere, il tuo raggio si diffonde
e penetra, e non lascia cuore amante
illeso.

 

Alessandro Parronchi
Coraggio di vivere
1984

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it