Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaI Ricordi di Colapesce: 100 e più Lune

Alla luna nella 105ª notte

Mina

Non ho casa nella Notte dei Cibi Freddi
Ho solo lacrime come ondate d'oro
Se togli i rami della cannella contro la luna
più pura diviene la luce dei suoi raggi
Da me lontana, non ti adorni di rossi fiori
tristi i pensieri tra le tue nere sopracciglia
come il Pastore e la Tessitrice avvinti dall'affetto
in autunno soltanto potremo guadare il fiume.

 

Tu Fu
(712-760)

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it