Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaI ricordi di Colapesce: cento e più cuori

Blues  funebre

La Grande Guerra - Mei pressi di Treviso

Fermate tutti gli orologi, staccate il telefono,
Impedite al cane di abbaiare con un osso succulento,
Mettete a tacere i pianoforti, e con un rullo di tamburo smorzato
Portate fuori la bara, lasciate avvicinare coloro che sono in lutto.
Lasciate che aeroplani lamentosi incrocino lassù
E scrivano sul cielo il messaggio Lui è Morto,
Allacciate i nastri di crespo al collo bianco dei piccioni,
Lasciate che i vigili mettano i guanti di cotone nero.
Lui era il mio Nord, il mio Sud, il mio Est e Ovest,
La mia settimana lavorativa e il mio riposo domenicale,
Il mio mezzodì, la mia mezzanotte, la mia lingua, il mio canto;
Pensavo che l'amore fosse eterno : Mi sbagliavo.
Le stelle non servono più : spegnetele tutte;
Imballate la luna e smantellate il sole;
Svuotate l'oceano e sradicate il bosco
Perché niente ormai può più giovare.

 

Wystan Hugh Auden
Oh, ditemi la verità sull'amore
1939

Itala Marina

Sommario Ricordi di Cola

www.colapisci.it