Ricordi

Nel mare di Sistiana

Ricordo come fosse ieri il nostro ultimo "rapporto"...

Malgrado la mia protezione per combattere il tuo freddo iniziale, ricordo e sento ancora oggi, a distanza di quasi otto anni, la pressione che esercitavi su ogni millimetro della mia pelle, via via che ti penetravo sempre pi¨ in fondo.
Ricordo i leggiadri movimenti di tutta la tua flora, nonchŔ gli insegnamenti che forse
involontariamente mi hanno dato i tuoi figli, che spesso non mi riconoscevano come cacciatore, ed io da HOMO SAPIENS assaporando queste emozioni, spesso non premevo il grilletto del mio medisten.

Sento ancora oggi la non perfetta purezza dell'aria  e quella vena di secchezza che mi produceva nella bocca, mentre avverto fortemente la continua battaglia causata dall'oblio della miscela contenuta nelle bibo e dalla profonditÓ.

Ricordo il fascio di luce color verde sempre pi¨ forte dalla  vega e il gusto miscelato del vic sinex, che usavo per liberare il naso, con l'odore assorbito dalla  muta e, nella mia maschera, con il tuo profumo. Risento, anche le perle di sudore che spesso solcavano il mio viso, sia per la fatica nel combattere le tue correnti, sia per l'inconscia paura creata dalle meravigliose penetrazioni notturne.
Mentre riaffiorano i preliminari prima della penetrazione, i commenti, le impressioni, le paure e i godimenti alla fine del rapporto, ricordo la zia Maria che, spesso, era la promotrice della trasformazione immediata, in succulente grigliate, fritture o altro, degli umori scaturiti dall'incontro concretizzate in saraghi, polpi,
aiole, perchie, murene, seppie. Intanto  sulle labbra riaffiora il gusto della inimitabile granita limone prodotta dai nostri "mastri gelatieri", presa al rientro delle penetrazioni consumate a CAPO SCALETTA, ITALA, ALI', comprate alla Sala Ausilia o al Bar della Piazzetta di  Suaria.

Ricordo la tua cura alla conservazione quasi intatta dei relitti da me visitati, come quelli di FARO e SAN RANIERI, ma anche gli scempi compiuti da aspiranti HOMO SAPIENS , come il degrado di grotte e anfratti in cumuli di pietre, causa le continue bombe, e l'abbandono di vecchie carcasse di auto, copertoni, mattoni, plastica varia, polistirolo e perfino betoniere.

In questi otto anni ho cercato nella mia vita di provare in altri modi le emozioni provate con te, ma invano. Ho provato con la caccia, la campagna, l'allevamento dei setter irlandesi, l'alta velocitÓ, internet, la figlia, i nipoti, le donne.... ma niente Ŕ riuscito a scalfire il profondo solco creato nel mio cuore da te, MARE AMORE.

 

Cola Angelismile

Sommario Ricerca

www.colapisci.it