(da U siddhìu)

Sta città

 

Messina - Cristo Re visto da Piazza Duomo - Anni '30

 

Seculi di maceri stannu sutta

sti casi e, a un'ura 'i notti, mummurìa

u lamentu dì morti: nta l'umbrìa

dù ponti a Ciaera nsinu a Chesa 'a Rutta.

 

Hannu disgusti! da nova — e cchiù brutta

panzata di cimentu, o è nustalgia

pà vita di na vota, o i cutturìa

'a viggogna di comu si' rridutta?

 

Nò sàcciu: sàcciu sulu chi, scutannu

ddhi vuci, trema u cori. Ma à matina

nesci u suli di sempri, si nni vannu

i fantàsimi e n'aria duci e fina

ti sfaviddhìa e ti cància, sciurinannu

paci e sirinità: gràzzii, Missina!

 

Nino Salvatore


Questa città

 

Messina - Anni '60

 

Secoli di macerie stanno sotto

queste case e, ad un'ora di notte, mormora

il lamento dei morti: nella penombra

del ponte Zaera sino alla Chiesa di Grotta.

 

Hanno disgusto della nuova - e più brutta -

scorpacciata di cemento, o è nostalgia

per la vita di una volta, o li affligge

la vergogna per come sei ridotta?

 

Non lo so: so solo che, ascoltando

quelle voci, trema

il cuore. Ma al mattino

esce il sole di sempre, se ne vanno

i fantasmi e un'aria dolce e fine

ti fa sfavillare e ti trasforma, sciorinando

pace e serenità: grazie, Messina!

 

Nino Salvatore

 

Sommario Ricerca

www.colapisci.it