(da Ora e tannu)

Sicilia

 

Sicilia  (Peloritani)

 

Du' taddi i rienu e balicic,

'na fogghia i niputedda,

duri i pattuallara, gessuminu,

lura, amenta, filici da codda

cu ddu' fila i jnestra a mmazzuneddu

stinnutu suli

e sbrizziatu d'acqua i mari.

 

Chistu a me' terra ,

'u so' ciru, a so' sotti;

chista Sicilia,

unni si cianci novi misi all'annu

pi llstimi, pi mmotti, pi dduluri,

terra focu

bagnata cchi di lacrimi chi d'acqua,

e genti chi ti jetta 'nta 'na fossa

o chi ti 'nchiana supra chicchiriddu,

s'hai bisognu si lvunu a cammicia,

pi 'na parola ti nsciunu u cuteddu.

 

Fossi pi cchistu non c' terra gghiana

chi unni vaddi vaddi sempri viti

o mari funnu o iuti muntagni.

 

 Giacomo Luzzagni


 

Sicilia

 

Sicilia - Furnari

 

Due rametti d'origano e basilico,

una foglia di nepitella,

fiori d'arancio, gelsomino,

alloro, menta, felci di montagna

con due fili di ginestra a mazzetto

steso al sole

e spruzzato d'acqua di mare.

Questo la mia terra ,

il suo profumo, la sua sorte;

questa Sicilia,

dove si piange nove mesi all'anno

per lamenti, per morte, per dolori, terra di fuoco

bagnata pi di lacrime che d'acqua,

e gente che ti butta in una fossa

o che ti sale sopra fino in vetta,

se hai bisogno si levano la camicia,

per una parola ti escono il coltello.

 

Forse per questo non c' terra piana

che dove guardi guardi sempre vedi

o mare profondo o alte montagne.

 

Giacomo Luzzagni

 

Sommario Ricerca

www.colapisci.it