La Fontana  di  Nettuno

E' un'opera del Montorsoli, commissionato dal Senato di Messina.

Al contrario della fontana di Orione, che venne danneggiata alquanto dal terremoto del 1908, il complesso del Nettuno si salvò miracolosamente dalla distruzione.

Il complesso della fontana è a struttura piramidale.

 

In alto si erge Nettuno che domina le acque, sotto fra le onde spiccano Scilla e Cariddi tra quattro cavalli marini che simboleggiano l’oceano.


Il gruppo scultoreo sorge all’interno di una vasca poggiando su un piedistallo che presenta fra le decorazioni le
grandi aquile simbolo della Spagna con lo stemma imperiale sul petto e sui lati del piedistallo gli scudi con la croce, stemma della città.

I cavalli marini sembrano nuotare nelle acque della vasca e ogni coda, di delfino, è ripiegata su se stessa e volta a poggiarsi sui quattro spigoli.


Le statue di Scilla e Cariddi hanno caratteristiche particolari.

 

Cariddi coi capelli sciolti, ha uno sguardo inorridito, la bocca aperta fremente.

 

Scilla è fasciata in vita da teste urlanti a personificare ancora di più il dolore delle catene.

 

La statua del Nettuno giganteggia con un atteggiamento solenne da signore del mare.

A molti critici è sembrata una rappresentazione molto più “fredda” rispetto a quella di Scilla e Cariddi.

(La tradizione popolare vuole che originariamente Nettuno fosse rivolto verso la città, in modo tale da offrire il posteriore al mare e, quindi, alla città di Reggio, per sbeffeggiare i calabresi dopo una scommessa vinta (vedi la leggenda del Gilantipisci).
Dopo il terremoto del 1908 la statua è stata spostata e Nettuno è stato posto in modo da rivolgersi verso il mare.)

 

L’orlo della grande vasca è interrotto da quattro piccole vasche che s’inseriscono negli angoli: ricevono l’acqua da due getti e la riversano nel mare.

L’intero complesso monumentale è costellato di iscrizioni.

 


Quella esposta oggi per strada è una copia della fontana.

L’originale, che stava subendo i danni dello smog, è stata trasportata al Museo regionale di Messina ed ivi conservata.


La La statua di Scilla al Museo Regionale di Messina

 

Maria Arruzza
Documentazione fotografica Alberto Biondi

Sommario Ricerca

www.colapisci.it