www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessit o per scelta

Banna si voi vinniri

 

 

Forse la valorizzazione della nostra citt dovrebbe cominciare proprio dal dare luce alla miriade di palazzi padronali che fiancheggiano le strade del centro storico, quasi tutti malridotti e occultati alla vista, piuttosto che dal recintare qualche sassolino informe, magari facente parte di qualche orrendo condominio dellantica Roma.
Chi ha mai detto che la bellezza si misura in secoli?

 

 

 

Un ghiornu i mggiu, caminnnu a peti

nta na Missina senza furistri,

mi vinni nu suspru e stu pinzri:

- Putssi profumri e inveci feti!-.

 

C cchi culri ammnzu a la mmunnzza,

anni lomu cci spreca a fantasa,

chi  supra mura di na mastra via

anni u tempu cci fici na curzza.

 

Palazzi patrunli ricamati

cu mmanu fina e gghiu di cazzla

(unni lantchi nni facunu scola)

cu ciri, cu merletti e culunnti,

 

pi la virggna prunu mmucciti.

E cchi camni e cchi ti nni cumpri!

E a meravgghia ti fa cumminri

ancra  sti pinzri suspirti:

 

- C na Missina antca chi non pari,

chi muta muta si cunzma e mori;

c na Missina chi fa malucri

picch c lamministra havi chiffri -.

 

Si poi, scavnnu spunta un mazzacni

chi pari, fossi, appartinu alla stria,

allra: - Femmi tutti! E la memria

chi sta citt fu schiava di romni!

 

E na pretsa chi peloritni

di sta Missina bedda chi non ssumma,

pi ddi pitrddi snunu la trumma

e priatni bttunu li mani!

 

Banna si voi vnniri, Missina,

chi robba nnhai pi fari a to figra!

Lvicci i sivi supra di ddi mura

e a ribba mari ntticci la rina.

 

Chi tempi foru chiddi du Vittria

e u lidu accantu Principi Amedu!

I matri si scinnunu laddu

e u strittu ciu pasca  cu la s stria.

 

Banna si voi vnniri, Missina!

Rifatti a ula, itta quattru schigghi,

ripgghiti lamri di t figghi,

e fai la paci cu la Madunnna.

 


 

Esalta la tua merce se vuoi vendere

 

 

 

In un giorno di Maggio, camminando a piedi, in una Messina priva di forestieri, mi venuto un sospiro e questo pensiero:

-Potrebbe profumare e invece puzza!-.

C pi colore in mezzo alla  spazzatura, dove luomo impegna la sua fantasia, che sopra i muri di una via importante dove il tempo ha fatto una corazza.

Palazzi padronali ricamati con mano esperta e olio di cazzuola (mestiere dove gli antichi erano nostri maestri) con fiori, con merletti e colonnati, sembrano nascondersi per la vergogna.
E pi cammini e pi ne incontri! E la meraviglia ti fa formulare ancora questi pensieri sospirati:
- C una Messina antica che non compare, che zitta zitta si consuma e muore; c una Messina che patisce perch chi lamministra troppo occupato-

Se poi, scavando, spunta un sasso che pare, forse, sia appartenuto alla storia, allora:
"Fermi tutti! E la testimonianza che questa citt fu schiava dei romani".

E una pretesa che i peloritani, di questa Messina bella che non emerge, per quelle pietruzze suonino la tromba e in preda alla gioia battano le mani!

Vanta la tua merce (banna) se vuoi vendere, Messina, che di sostanza ne hai per fare la tua figura!
Togli lo sporco da quei muri e pulisci la spiaggia in riva al mare!

Che tempi sono stati quelli del Vittoria e del lido accanto Principe Amedeo!
Le madri scendevano con il neonato e lo stretto glielo pasceva con la sua storia.

Vanta la tua merce, Messina!
Rifatti la gola e lancia quattro urla, riprenditi lamore dei tuoi figli e fai la pace con la Madonnina.

Walter  Ignazio Preitano

da Banna si voi vinniri

 

 

 

Sommario Ricerca

www.colapisci.it