Un gesto grafico: la "Cardatura"

Quell'incrocio multiplo a rastrello ‑ proemio del rito funereo - che il pescatore si premura a tracciare sulla guancia della bestia agonizzante all'atto del recupero, quando l'alba delle tenebre proietta sullo specchio dell'occhio l'ultimo bagliore obliquo di sole, addio alla luce inciso come una scudisciata sul velo azzurro grigio dello sguardo morente.

 

Fra tutte le abitudini in uso nel gergo gestuale dei pescatori, questo della «cardata da cruci» si presta alle interpretazioni pił disparate e controverse.
Evoca, forse, quel significato magico ‑ scaramantico e al tempo stesso propiziatorio ‑ che le primordiali comunitą solevano assegnare alla preda della caccia; ovvero, dal momento che la geometria della «
cardata» sarebbe codificata unicamente dall'obbligo del disegno della croce, tracciato indifferentemente con una o pił coppie di righe, la cardatura potrebbe rappresentare un contrassegno di proprietą, residuato oggi come una sorta di marchio di possesso variabile nella sua estrinsecazione grafica, ma giustificato un tempo dalla necessitą di siglare con un segno di riconoscimento proprio di ogni imbarcazione.

 

 

Walter Preitano

 

Sommario Ricerca

www.colapisci.it