U ciauru 'i sta terra

Stretto di Messina

Rispirannu l'aria 'i stu paisi:
nt cori,
sentu chi traspari:
neciaureddu duci.
Curiusu mi dumannu:
Cu ,chi nt'all'aria
fa sntiri sti cosi?
Chi su sti munti,
chi in silenziu
si vardunu e si ridunu 'i luntanu?
O a muntagna 'i focu di dd'nfacci,
c friscura, i frunna di sti rocci?
Chistu ... ciauru chi si senti sulu cc
e chi nq'si po'scurdari;
chistu ... ciauru di zagara e di rosi;
miscatu...
c ciauru di ilici, girasi
e mennuli ciurusi;
chistu ... ciauru chi sazzia
e l'anima a fa bella;
ciauru 'i menta,
di mustu e'di cannella;
ciauru
di arburu 'npalatu
e di pani 'i ranu 'neastagnatu,
cunnutu
cu ciauru 'i lille fragranti e prigiatu,
sapuri 'i libirt.
Forsi ... ciauru
d ricordu, d travagghiu di me patri?
O vuci d'amuri,
d cori di me madri?
Sacciu sulu
chi nta stu paisi
pari sempri j urnata 'i festa,
picch stu ciauru:
nt'all'aria ...
e nt'all'aria resta.
E puru:
si nt campagni, nt casi e nt vineddi,
sciusci,
e sciusci forti
nu ventu senza cori, tirannu e bruttu:
u ciauru 'i sta terra profumata, chi c' nt'all'aria,
non ci rinesci mai:
m distruggi tuttu".

 

Severino Caspanello
Premio Colapesce 1997
Armando Siciliano Editore

Luoghi di Cola

Sommario Ricerca

www.colapisci.it