Cola PesceColapisci: l'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

So che sei tu

 

Taormina

 

Un diluvio di ricordi mi assale,
quando la melodia di questa musica
viene a bussare alla soffitta del cuore.

So che sei tu, amore amaro mio.
So che sei tu portato dal vento di libeccio.
So che sei tu fremente dietro alla mia porta,
so che sei tu irato fino alle lacrime
a consumarti le nocche delle dita,
so che sei tu perduto nel folto di un bosco di betulle rosse.
So che sei tu tra le foglie di mirto delle mie colline.
So che sei tu, riconosco la tua voce rauca di alcool e fumo,
voce di chi ha smarrito la ragione,
voce di chi elemosina briciole d’amore,
e le sottrae dalle mie mani bianche,
bianche come l’alba fanciullina,
bianche come la neve sul roseto…
il mio roseto d'inverno e di spine.

Ti apro la porta e sei lì,
pietra rovente,
bosco che arde,
acqua che travolge..
in un diluvio di emozioni nuove,
come la luce del giorno che viene

 

 

Pelorias

am

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it