Il nome  di Jonathan  (4)

Le sorelle sirene (foto di Nicola Lapalombella)

Il gabbiano Jonathan era sicuro di “sfondare” aprendo questa attività in favore dei giovani amici pennuti. Avrebbe fatto eseguire gli esercizi sulle cordigliere di scogli del mar piccolo, giusto nell’area di mare attorno alle sirenette.
Aveva notato, infatti, che molti turisti si soffermavano ad ammirare le originali creature di pietra, veri e propri capolavori di scultura e di originalità, nonché di bellezza.
Jonathan, conosceva anche l’ubicazione delle altre sorelle sirene, ma a lui, piaceva particolarmente la Sirenetta immortalata nell’atto di lisciarsi la chioma fluente.

Jonathan, aveva quello strano nome, per il quale era spesso beffeggiato e deriso dagli abitanti marini, perché sua madre leggeva molto.
Ma questo cosa c’entra col suo nome, direte certamente. C’entra, c’entra, invece. Ora vi spiego perché.
Jonathan è il nome di un famoso gabbiano, il quale è forse l’unico ad aver avuto anche un cognome. Questo cognome era pettoruto e importante come l’uccello marino che lo portava. Lo aveva avuto dal suo “creatore” ovvero lo scrittore Richard Bach che lo aveva reso immortale.
Il cognome di Jonathan Primo riecheggiava di fama quasi quanto quello dello scopritore del Lago Vittoria. Il cognome di Jonathan Primo era nientedimeno che Livingston. Jonathan Livingston. Non era forse un nome altisonante quello a cui si era ispirata la gabbianella che aveva messo al mondo il nostro Jonathan?
Anche il “nostro” Jonathan amava volare alto. Anche il nostro gabbiano desiderava realizzare sogni. Anche il nostro molto modesto Jonathan amava fare qualcosa per passare alla storia. Ma ahimè, occasioni per diventare un eroe negli spazi della marina se ne presentavano davvero pochi. Sperava, però in cuor suo, di avere successo con l’attività di ginnastica motoria per giovani allievi gabbiani.

Aveva raccolto già molte iscrizioni ed aveva pertanto deciso di cominciare gli esercizi il Primo Lunedì di Settembre.
Il primo lunedì di settembre, non era una data scelta poi così a casaccio. Il primo lunedì di settembre era il giorno del suo quarto compleanno, che equivaleva ai quarant’anni degli esseri umani.
Era il 4 settembre 2002 la data magica della prima lezione di Ballo, anzi no, il lunedì era il giorno degli esercizi di Body sculpture! Esercizi utili allo sviluppo dei muscoli pettorali. Dei muscoli bicipiti, tricipiti e quadricipiti, dello sviluppo dell’apertura alare e del massimo rigonfiamento del manto piumoso. Insomma, coloro che avrebbero frequentato quel corso avrebbero avuto da li a poche settimane, un fisico Bestiale, quasi quanto quello di un famoso culturista che abitava in città.

La scuola di Jonathan (foto di Nicola Lapalombella)

Anna Marinelli


Tutti i diritti di testi e immagini sono riservati agli autori originari dei documenti. - 21.2.2006

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it