La povera donna, sin dalla prima volta che lo vide sparire, impaurita gridava:
- Cola, esci dal mare, non farmi morire di spavento!.

E sempre implorava Dio e ripeteva:
- Cola, non andare lontano, perdi la rotta.
- Cola, esci dall'acqua, andiamo a casa

Il sole bruciava le pietre, il mare ribolliva come un pentolone.

- Non vengo, vattene a casa… torno stasera
le urlava Cola da lontano.

Ma non tornò più.

 

A matri, d'a prima vota ca 'u vitti luntanu, si misi i manu e capiddi:
"Nesci du mari, Cola, non mi  fari moriri!".

'U raccumannava o Signuri e ci ripitìa:
"Cola, non ghiri luntanu, 'a rutta perdi! Cola, jamuninni".

'U suli abbruciava i petri, 'u mari era un carcaruni.

"Non vegnu! Vattinni a' casa… vegnu stasira!".

Ci gridò Cola di luntanu.

Ma non turnò cchiù.

 

Teatro libero

Sommario Racconti

www.colapisci.it