www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessitÓ o per scelta

Ignazio Buttitta

Colapesce
Leggenda Siciliana in due tempi


Colapesce - Scuola Media Cordenons

Secondo Tempo
Ottava scena

La stessa piazza di prima. Alcuni pescatori cantano "La mattanza" sulla banchina.

 

PESCATORI

Diu di ncelu Salvaturi

ca patisti gran duluri

e facisti terra e luna

e pi frati ogni pirsuna.

 

Ajsa!

Ajsa!

 

Diu di ncelu Salvaturi

d'ogni cosa criaturi

e to figghi dasti a terra

o diavulu la guerra

 

Ajsa!

Ajsa!

 

Laudate sia Maria

lu so ventri amatu sia

ca pi fÓrinni felici

parturiu e Cristu fici.

 

Ajsa!

Ajsa!

 

San Cristodalu laudamu

cc'appi a fidi i Patri Abramu

e l'Arcangilu Gabrieli

di lu cielu missaggeri.

 

Ajsa!

Ajsa!

 

Laudamu u Cirineu

ca nascýu nna Giudea

e purt˛ la cruci ncoddu

senz'aviri mancu un sordu.

 

Ajsa!

Ajsa!

 

Laudarmi la "mattanza"

ca a tutti i piscaturi

duna u pani

e abbutta a panza.

 

Ajsa!

Ajsa!

 

 

 

CALA LA TELA

 

ę Edizioni P&M - Messina, 1986

Sommario Racconti

www.colapisci.it