www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Ignazio Buttitta

Colapesce
Leggenda Siciliana in due tempi


Colapesce - Scuola Media Cordenons

Primo tempo
Settima scena

Il contastorie riprende a raccontare la storia di Colapesce

 

IL CONTASTORIE

Cola, dda sira un turno a casa

e mancu l'àutri siri;

e di tannu ad ora

risto a campari nno mari,

a dormiri nno mari,

a manciari nno mari:

s'affamigghiò chi pisci.

Parrà a lingua di pisci.

 

I pisci non parranu! (Un pescatore)

L'hannu a vuci: parranu! (Altri pescatori)

Chi lingua parranu? (Un altro pescatore)

 

Chidda chi parri tu: u sicilianu!

Avissiru a parrari a lingua chi parranu

i pisci du Pacificu? (rivolgendosi a tutti)

Vuàtri chi parrati, a lingua chi parranu

i piscaturi di l'autru mari?

Veru è, veru! (Più pescatori applaudono gridando)

Quannu havi fami...(continuando)

Va o risturanti (Un pescatore interrompendolo)

(risate)

Non va o risturanti,

assarta i bastimenti:

arrobba u pani

u vinu,

l'acqua: tutti i pruvvisti!

I marinara, non li tocca.

 

Viva Cola, viva Cola! frati di marinara è. (molti pescatori)

 

Cola, è nnamuratu da luna,

ia luna è nnamurata d'iddu:

u llumina,

u mmammulìa,

u spicchìa,

u vasa: ci fa stiddiari l'occhi!

Cola sa vulissi maritari

ma a luna è maritata cu suli...

(Un pescatore interrompendolo e con ironia)
Si spartinu!

Chi hannu u cuntrattu a vita?

Non si ponnu spartiri.

Ncelu un ci nnè divorziu!

 

(Un altro pescatore)

C'è u divorziu: si ponnu maritari e si ponnu lassari

Maria, un si spusò cu S. Giuseppi?

Un era Santa Maria?

 

Su sintia u parrinu

a lingua ti tagghiava!

 

(Un pescatore prende un bicchiere di vino dal suo tavolo e avvicinandosi al contastorie)

Biviti, vu miritati,

u vinu sangu fa!

 

Arrifriscatici l'anima a Colapisci. (Un altro pescatore)

 

(Il cantastorie dopo aver bevuto)

U vinu, anima di morti, non nn'arrifrisca.

Doppu tant'anni nno funnu du mari ^.

l'ossa ci fétinu a Colapisci.

 

La Forsennata

A vui fétinu l'ossa! (come impazzita, uscendo dalla folla dei pescatori e rivolta al contastorie)

Vivu è Colapisci!

 

E di unni vinni sta foddi? (disperandosi e indicando la Forsennata)

I me figghi aspettanu u pani!

 

U pani, Colapisci nnu duna: iddu nni pruteggi.

U populu iddu l'ama!

 

(molti pescatori)

Veru è!

Veru!

 

A vostra ginirusità (allungando il braccio con il piattino nelle mani)

Non la sintiti, foddi è! (indicando la Forsennata)

 

Cola, carni da Sicilia è; dui armi nno ncorpu!

Libira a voli a Sicilia!

 

Viva a Sicilia! (Alcuni pescatori)

Viva l'Italia! (Altri pescatori)

E unni campa Colapisci? (Un pescatore rivolto alla Forsennata)

 

Nno mari!

È chiù putenti du Re!

 

Io non l'haiu vistu mai! (Un pescatore con con freddezza)

Io mancu! E fazzu u raisi. (Un altro pescatore)

Fallu véniri ccà! (Un altro pescatore con ironia)

 

Non pò véniri!

 

Chista è bella, chi havi i dulura romatici?

(Risate generali)

 

 

 

 

CALA LA TELA

FINE DEL PRIMO TEMPO

 

© Edizioni P&M - Messina, 1986

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it