www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Ignazio Buttitta

Colapesce
Leggenda Siciliana in due tempi


Colapesce - Scuola Media Cordenons

Primo tempo
Sesta scena

Toma ad entrare il Re con tutti gli altri

 

MAIMONE

II padre e la madre di Colapesce sono nel cortile. (rivolto al Re)

Vogliono essere ricevuti da voi.

 

IL RE

Gli avete mandato le carrozze a prenderli?

 

No Sire, erano già in cortile

venivano per chiedere aiuto.

 

Possibile se il figlio è più potente di me? (sbalordito)

Fateli entrare.

La madre e il padre di Colapesce entrano inchinandosi

 

LA REGINA

Vui siti a matri di Pomu famusu? (con disprezzo)

 

A matri i Colapisci. (confermando)

 

LA MADRE

Liggittima!

Campa nnò mari i Missina me figghiu,

prima affacciava e nni jttava u beni di Diu:

dinari, pani, carni, vinu...

Nel mare generi alimentari vendono? (con ironia, interrompendo)

Pagannu tuttu si pò accattari.

Ci sono le banche? (sempre più sorpreso)

Non mi facìa rriancari nenti. (non accettando l'interruzione)

 

Veniva di notte?

 

Di notti e di jornu: un fantasima,

iddu vidìa e a genti non lu vidìa.

 

IL PADRE

Era fimminaru; avia a fidanzata e venia a truvalla

tutti i notti (indicando Ninfa)

assimigghia a dda picciotta.

 

NINFA

Ziti eramu; (con dolore)

ora non veni chiù.

 

ASSUNTA (spingendo Ninfa)

Zita di l'omu famusu, tu?

 

Ti ripetu ca 'e servi ci tocca u parrà picca. (rivolta a Ninfa)

 

Dicistivu tutti i notti. (rivolto al padre e sempre più sbalordito)

 

Tutti i notti!

Ci traseva da finestra,

si scapricciava,

e turnava nnò so palazzu.

Ninfa mortificata sì copre il volto con le mani.

 

Nel suo palazzo?

 

Avi un palazzu chiù granni du vostru.

 

Ora vi portiamo sulla banchina, (rivolto ai genitori)

voi lo chiamate e ci direte

il Re ti vuole parlare.

 

Chiamalo tu.

 

La mia voce non la conosce.

 

Lo chiamo io.

 

Lo chiama la madre! (con forza)

 

Meglio il padre.

 

Patri e figghiu eranu rivulizziu e trivulizziu. (indicando il marito)

 

Ho capito: erano gioia e dolori.

 

Ma a curpa non era mia.

Era riversu,

un lignu tortu me figghiu.

Cafuddava chi manu e chi pedi!

Ci dicia vai a prua, no!

Vai a puppa, no.

 

 

 

 

CALA LA TELA

 

© Edizioni P&M - Messina, 1986

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it