www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per scelta

Ignazio Buttitta

Colapesce
Leggenda Siciliana in due tempi


Gruppo folcloristico - Messina - 2012

Primo Tempo
Terza scena

Entra in scena il Gruppo folcloristico, canta un miracolo fatto da Gesù.

 

GRUPPO FOLCLORISTICO

Nna cita i Gerusalemmi

c'era fudda nmenzu a via

e a Cristu chi passava

vinni un omu e ci dicìa.

 

C'è un orbu nterra misu

ca fa chiànciri a cu u viri

addimanna piatati

e disiddira murìri.

 

Dacci a vista, siddu è veru,

ca tu levi a fami e a siti

e ci cusi a li sfardati

senza àugghi li vistiti.

 

Siddu è veru ca d'un pani

nni facisti centu pani

e camini supra u mari

comu nterra i cristiani.

 

Parti Cristu sull'istanti

(fudda arreri e fudda avanti),

vitti l'orbu e nno mumentu

ci stricò nni l'occhi u nguentu.

 

L'orbu ntisi un gran bruciuri

e chiancìa pi lu duluri;

puvireddu, dintra l'occhi,

parìa avissi li pidocchi.

 

Dissi Cristu a li pirsuni

c'è bisognu d'acqua i ciumi,

siddu l'occhi ci lavati

vidi u lustru, e poi u cuntati.

 

Mentri l'occhi si lavava

mancu l'aria ciatava

e la gente misa ntornu

c'era scuru e vidia jornu.

 

Ma ntuttunu l'occhi chiusi

si graperu e vitti a luci:

vitti a luci e vitti a Cristu

ca di tutti ddà fu vistu.

 

 

 

CALA LA TELA

 

© Edizioni P&M - Messina, 1986

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it