Colapesce e il re

................

Colapesce

  • Addiu, addiu Maredda! ...
    All'ordini, Maistà!
    Ntast'ura di crepusculu abbagghianti, supra sta spada ardenti iù mi sprufunnu.
    E quannu l'acqua chi pircoti aricchi si fa silenziu, dintra sugnu a un palazzu di curaddu.
    Vaiu unni c'è silenziu.
    Quantu fraguri d'acqui, stormu di frunni e ventu, fururi e vuci d'omini supra sta facci munnu. Dintra c'è tanta paci: Maistà, mi dispiaci, d'idda non siti 'u Re!
    Purtari n'a putítí supra'a terra, mettiri á furca, custrinciri mi parla...

Re:

  • Taci! Esegui gli ordini!

(Gli sbirri scattano dai loro posti. Colapesce sì incammina lentamente. Soffermandosi sulla battigia. rimira la casetta di Maredda, le falde dei monti solcati dai torrenti, le pendici erbose dei colli e dei poggi, le abbazie, i castelli, i fumi dei fuocherelli accesi dai contadini e dai pastori, le loro baite malcelate dagli alberi, e quanto dei villaggi e di Messina il suo occhio può abbracciare.
Poi fissa disperatamente Maredda che, immobile, le braccia rigidamente tese in atteggiaménto di slancio e di saluto, sembra la pietra d'una sonnambula.

Sul punto di scomparire, Colapesce, fatto un passo indietro grida a Maredda da lontano).

Colapesce:

  • Maredda! ... n'urtima cosa t'haiu a diri: ddu focu chi brucia 'a notti è la spiranza! Frati Raníeri, un monacheddu santu, faci signali e salva i naviganti. Doppu di mia, Maredda... doppu d'iddu ... e ppi sempri ... c'è 'na luci a ddu puntu ... (Esce Colapesce. Esce una guardia).'

Maredda:
(Ripetendo piano, automaticamente).

  • E la spiranza ... la spiranza ...

.............

 

Leggi in
Colapesce: l'angelo dello stretto
Tragedia in 3 atti di Teresa Pinto
Arnoldo Siciliano Editore

Sommario Racconti

www.colapisci.it