La Leggenda di Cola Pesce

La gente colapisci lu chiamava
che comi un pisci sempri a mari stava

d'unni vinia nuddu lu sapia

forsi era figghiu di lu Nettunu diu

Un ghiornu a Cola u rre u fici chiamari

e Cola di lu mari 'dda vos'iri

 

O Cola lu me regnu a scandagliari

supra cchi pidimenti si sustenu

..Cola pisci curri e va'

 

Vaiu e tornu maistà

 

Ccussi si ietta a mari Cola pisci

e sutta l'unni subutu sparisci

ma dopu un pocu a sta' nuvità

a lu rignanti Cola Pisci dà

 

….Maistà li terri vostri

stannu supra a tri pilastri

e lu fattu assai trimennu

una già si sta rumpennu

 

…..O distinu chi 'nfilici

cchi svintura mi pridici

chianci u re comu aia ffari

sulu tu mi poi salvari

Cola Pisci curri e va'

 

Vaiu e tornu maistà

 

E passaru tanti iorna

Cola Pisci non ritorna

e l'aspettunu a marina

lu so' re ccu la rigina

Poi si senti la so vuci

di lu mari 'superfici  ...Maistà.. sugnu cca..

sugnu cca o maistà

nta stu funnu di lu mari, ma non pozzu cchiù turnari

vui prigati a la Madonna, staiu riggennu la culonna

ca s'idda si spezzerà 'a Sicilia sparirà

Maistà o maistà.. Maistà iu restu cca.

 

 

 

Note, che il cantastorie spiega a modo di "morale",  agli ascoltatori:

"... sebbene o signori, questa è una leggenda antica, quanto l'uomo, oggi  esistono ancora i Cola Pesce, che si sacrificano per il bene della amata terra di Sicilia. Sono la gente onesta, ammazzata dalla mafia e dagli intrighi di finanza, sono i giudici Borsellino, Falcone, i Peppino Impastato, sono  figli migliori della amata terra di Sicilia."

 

 

Cantastorie Trincale

 

 

Sommario Racconti

www.colapisci.it