La storia di Colapesce

Capo Peloro - Tra Jonio e Tirreno

A Messina c'era un bambino di nome Cola che stava mattina e sera nell'acqua e la povera madre lo chiamava:
- Cola, Cola! Vieni a terra .

Ma lui continuava a nuotare sempre più lontano. E a furia di chiamarlo alla mamma venne il torcibudella. Un giorno la madre perse la pazienza e gli disse:
- Cola che tu possa diventare un pesce!

Proprio in quel momento le porte del cielo erano aperte è così Cola diventò mezzo uomo e mezzo pesce. Poco dopo la madre vide che non tornava più e morì dal dolore.

Il re della Sicilia ordinò a tutti i marinai che, chi incontrava Colapesce gli doveva dire che il re gli doveva parlare. Un marinaio lo incontrò e gli disse:
- Cola, vai dal re che desidera parlarti .

Cola ubbidiente andò dal re e gli disse:
- Maestà! Lei mi voleva parlare? Io la ascolto.

- Cola, tu sei un bravo nuotatore fammi il giro completo di tutta la Sicilia e dopo mi racconterai quello che hai visto.

Dopo un giorno Cola tornò e disse al re:
- Vostra maestà! Sono tornato. Ho visto coralli e molte specie di pesci.

- Adesso, Cola, tu andrai di nuovo giù e mi dirai su cosa si appoggia la Sicilia. Dopo due giorni Cola tornò e disse al re:
- Vostra maestà! La Sicilia si appoggia solo su tre colonne: una rotta, una scheggiata e l'altra intera. Il re preoccupato disse a Cola:
- Cola vai un'altra volta giù e dimmi quanto è profondo il mare vicino al faro. Dopo due giorni Cola disse al re:
- Vostra maestà! Non ho visto niente perchè da uno scoglio sott'acqua esce del fumo. Il re insistendo gli disse:
- Cola, buttati dalla torre del faro. Cola si buttò. Quando tornò a galla andò dal re con il viso bianco bianco. Sembrava morto di paura. Disse al re:
- Vostra maestà! Ho visto un mostro lungo quanto un bastimento, e io per la paura mi sono nascosto dietro a una delle colonne dove si appoggia la Sicilia. Cola non voleva più andare in acqua per la paura. Allora il re buttò la corona in mare e si rivolse a Cola:
- Cola vai a prenderla.

Cola andò ma non tornò più. Il re preoccupato mandò i marinai a cercare Cola. I marinai videro Colapesce mantenere la Sicilia perché quella colonna che era incrinata si era rotta. Colapesce è ancora là, altrimenti la Sicilia potrebbe sprofondare nel mare.

(da Fiabe italiane raccolte da Italo Calvino)
s.m. Luigi Tanzi - Mola di Bari
Progetto M.A.R.E
-
Classe 2° G

progetto_m.a.r.e.

Sommario Racconti

www.colapisci.it