I primi Uomini Pesce del XX secolo

Il primo record notificato ufficialmente è del  1949 e appartiene al magiaro naturalizzato italiano  Raimond Bucher, capitano dell'Aeronautica Militare, che scese a  30 metri, nel Golfo di Napoli. 

Nel 1951, i napoletani Ennio Falco e Alberto Novelli portano il primato a 35 metri

Nel 52 Bucher si riprende il record, scendendo a 39 metri. 

Negli anni 60 i record di immersione in apnea si susseguono continuamente.
Il siciliano Enzo Maiorca, nel '61, supera i 50 metri, smentendo le convinzioni di allora (compreso Cousteau) che a quelle profondità l'uomo sarebbe stato schiacciato dalla pressione.

Seguì per alcuni anni l'alternanza dei record con il brasiliano Amerigo Santarelli

Nel '65  dopo Teteke Williams, Robert Croft,  Jacques Mayol si candida come rivale di Maiorca, con profondità viai via crescenti.
Mayol, adottando tecniche yoga, sfruttando un fisico più minuto si mostrava molto acquatico  e si alternò nei recod con Maiorca.

Dopo la decisione  dell'organismo internazionale di non omologare più nessun record, per proteggere la salute dei sommozzatori di assistenza, Maiol continuò ad immergersi per scopi dichiarati scientifici
Maiorca non gradì molto questo escamotage e polemicamente ribadiva che se le immersione da record in apnea avvenivano per scopi scientifici, non c'era bisogna del tam tam dei media.

Oggi il record di immersione in apnea "in assetto variabile" appartiene a Umberto "Pelo" Pelizzari con 131 metri.

www.colapisci.it