Il Mesoscafo "Auguste Piccard"

Il primo mesoscafo fu costruito negli anni '63-'64, in Svizzera,a Monthey,  per l'Esposizione nazionale di Lemano .
Era  formato da una lunga cabina cilindrica, chiusa alle due estremitÓ da un emisfero. All'esterno, aveva un ponte, una prua, una coda, una chiglia, timoni di profonditÓ e di direzione, proiettori. Accoglieva quaranta passeggeri oltre l'equipaggio. 
La cabina di pilotaggio era a prora e un corridoio, con ai lati due file di venti poltrone ciascuna,  portava al compartimento e centrale elettrica, situate a poppa.
Ogni passeggero disponeva di un obl˛ in plexiglass; a poppa, il compartimento macchine e la centrale elettrica principale.

Nel febbraio 1954 fu varato e, durante l'estate, navig˛, si immerse, riaffior˛ nove volte al giorno, sei giorni per settimana, e portava quaranta passeggeri a 100 o 150 metri di profonditÓ, facendo loro vedere il fondo del lago di Losanna.

Ad Esposizione finita il mesoscafo fu impegnato ancora in alcune immersioni scientifiche per lo studio della gravimetria sublacustre e della formazione geologica del lago.
Prima di essere venduto ad una societÓ americana, il mesoscafo aveva effettuato 1.300 immersioni, trasportato 33.000 passeggeri, fatto realizzare importanti osservazioni scientifiche.

In viaggio col Mesoscafo

www.colapisci.it