www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

La Madonna della Lettera

 

 

Si racconta che i messinesi invitarono l’apostolo San Paolo che era appena sbarcato in Calabria, a venire a Messina per metterli a conoscenza di quanto era successo in Terra Santa. San Paolo venne e raccontò del Cristo.
I messinesi furono colpiti dal racconto, distrussero i loro idoli e si convertirono al cristianesimo. Poi chiesero a Paolo di portare un’ambasciata a Maria, madre di Gesù, che ancora non era stata assunta in cielo, nella quale chiedevano la sua benedizione.
Maria fu felice di sapere che i messinesi avevano accettato la religione cristiana ed inviò loro una lettera nella quale si compiaceva e li benediva insieme alla loro città. Ma aggiunse anche che da quel momento sarebbe stata la loro protettrice.
I messinesi gioirono e misero una statua della Madonna a protezione del porto, e sulla base scrissero le parole contenute nella lettera: “Vos et ipsam civitatem benedicimus”, che vuol dire “Benediciamo voi e la vostra città”.

 

 

‘A MATRI D’A LITTRA
 

 Madonna della Lettera - Porto di Messina

 

San Paulu trasìu predicatùri

‘nta ‘na Missìna senza prutittùri,

ch’ancòra di Gesù non nni sapìa

e menu ancòra d’a Vèrgini Marìa.

 

‘I missinìsi sintènnulu cuntàri

si ‘nginucchiàru ‘nterra pi prigàri,

ittàru a mari l’ìduli pagàni

e addivintàru tutti cristiàni.

 

-Pi ‘dda Marìa chi chiànci senza paci

pi ‘ddu figghìttu mottu supra ‘a cruci,

avèmu ‘na ‘mbasciàta missinìsa,

unni spiràmu chi nni dugna ‘ntisa-.

 

San Paulu pattìu p’i Terri Santi

e riputtàu la stòria di ‘dda genti;

‘a Madunnùzza si mustràu priàta

e ci mannàu arrèti ‘na ‘mbasciàta.

 

‘Na littra priziùsa e risirvàta

‘ttaccàta cu ‘na ciòcca profumàta.

Di ‘ddi capìddi di la Matri Santa

Missìna ancora oggi si nni vanta.

 

-‘Nto nomu di mê fìgghiu ch’aduràti

vi strìnciu ô cori a tutti quantu siti,

vi benedìcu cu tutta la citàti

e vi prutèggiu sempri cu pietàti.

 

 

 

Walter Ignazio Preitano

 

 

sintènnulu cuntàri: ascoltando con interesse il racconto che Paolo faceva della vita e delle opere di Gesù.

l’ìdulu pagàni: i messinesi ancora adoravano gli idoli. Bisogna tener conto che si fa risalire il fatto all’anno 42, cioè solo nove anni dopo la morte di Gesù.

‘ntisa: ascolto. I messinesi chiesero alla Madonna la sua benedizione.

priàta: felice.

vi benedìcu…: ‘i messinesi scrissero sulla base della Madonnina del porto quelle parole che ancora oggi si possono leggere: Vos et ipsam civitate benedicimus.

Da Progetto Dialetto

 

Sommario Cola andava alla Festa

www.colapisci.it