COLAPESCE
spettacolo per marionette, attori e pupazzi su nero

Regia: Francesco Fazio

La leggenda di un giovane, metà uomo e metà pesce, è riportata da testimonianze popolari e letterarie in quasi tutti i paesi del mediterraneo.

Si racconta che, spintosi fino alla foce del fiume Giordano, Colapesce scoprì un mare tranquillissimo dove i pesci non invecchiavano, non si mangiavano gli uni con gli altri, non morivano mai. 

La leggenda ha un forte legame con le tradizioni e la storia del popolo del sud, ed in particolare della Sicilia. Il destino dell'omo è legato alla speranza che Colapesce regga la colonna più debole delle tre che sostengono la Sicilia sul mare.
Ma perché Colapesce dovrebbe salvare il regno dalla catastrofe ? Perché dovrebbe condividere i segreti del mare, metafora dell'esistenza, con chi non è capace di convivere con esso?
Questa domanda serpeggia durante tutto lo spettacolo che si svolge su tre piani narrativi : la voce di Colapesce, quel Glauco delle metamorfosi di Ovidio che ci racconta la sua vicenda metafisica, la voce della madre di Cola, la voce del popolo di pescatori.

Lo spettacolo è realizzato con tecniche di teatro di figura, marionette e pupazzi su nero, ed è adatto ad un pubblico misto di bambini ed adulti.

TEATRO MANOMAGIA (Catania)