Carta Sicilia

Si cunta e s'arricunta

La leggenda di Cola Pesce..

.Allora alla povera madre veniva il torcibudella, a furia di gridare. Un giorno, la fece gridare tanto che la poveretta, quando non ne potŔ pi¨, lo maledý:
-Cola! Che tu possa diventare un pesce!
Si vede che quel giorno le porte del Cielo erano aperte, e la maledizione della madre and˛ a segno: in un momento, Cola divent˛ mezzo uomo mezzo pesce, con le dita palmate come un'anatra e la gola da rana. In terra Cola non ci torn˛ pi¨ e la madre se ne disper˛ tanto che dopo poco tempo morý.
La voce che nel mare di Messina c'era un mezzo uomo e mezzo pesce arriv˛ fino al Re; e il Re ordin˛ a tutti i marinai che chi vedeva Cola Pesce gli dicesse che il Re gli voleva parlare.
Un giorno un marinaio .......

Continua in Leggende di Cola Pesce
Fiaba tratta da "Fiabe italiane" raccolte e trascritte da Italo Calvino

Carta Sicilia