SUOLA MATERNA "Jean Piaget" - 31 Circolo Didattico - Napoli
Progetto "Impariamo a Volare oltre"

Colapesce

Cola era un ragazzo che stava sempre in mare, restava in acqua anche per giorni interio durante le tempeste; nessuno conosceva il mare meglio di lui. Non si riusciva a farlo  uscire dall'acqua e un giorno sua madre  in preda alla disperazione, dopo che l'aveva chiamato per tanto tempo, gli gridò:  Che tu possa diventare un pesce!

E' così successe,  Cola divenne mezzo uomo e mezzo pesce. Non tornò più a casa e diventò amico dei delfini e di tutti i pesci che popolano il mare.

Cola amava esplorare nuovi mari facendosi guidare da grossi pesci; quando aveva nostalgia degli uomini si avvicinava a qualche barca si faceva aiutare a salire e svelava ai marinai i segreti della navigazione oppure li aiutava in caso di pericolo avvertendoli se era in arrivo una tempesta, faceva loro tanti bei regali, tutte le cose antiche che trovava in mare.

Cola raccontava a tutti le storie del mare e divenne amico di tutti i marinai. Un giorno il re seppe che esisteva questo strano ragazzo e volle conoscerlo, scese sulla spiaggia e ordinò a Cola di andare a trovare tutti i tesori che erano sotto il mare, di esplorare le caverne sotto Castel dell'Ovo e di scoprire perchè c'erano tanti terremoti in Sicilia.

Cola ritornò dopo alcuni giorni, carico di tesori così il re fu molto contento ma non soddisfatto e disse:
 - Uomo pesce è vero che il mare è il tuo regno?

e Cola rispose
- Tutti dicono così mai io prima di tutto sono un tuo suddito maestà.

- Bene - disse il re - farò sparare una palla di cannone dal faro di Messina e tu me la riporterai.

Cola si spaventò perchè era molto pericoloso andare in quelle acque ma rispose - Maestà, io mi perderò e non tornerò mai più ma se voi volete io farò la prova.
Il re insistette e il ragazzo si tuffò in acqua riuscì pure ad afferrare la palla di cannone ma ad un
certo punto si sentì precipitare verso il basso e non riusciva più a risalire, arrivò in un posto dove non c'era nessuna creatura del mare e dal quale lui non sapeva uscire e nessuno poteva aiutarlo perchè tutti si tenevano lontani da quel luogo che era molto pericoloso.

Cola restò per sempre nella sua prigione sotto il mare, ma non deve essere del tutto vero ciò perché ci sono ancora marinai e pescatori che dicono di vederlo.        

Salvato dal WEB (Scuola Jean Piaget 31 C.D - Napoli)