Colapesce

.......

Colapesce, dovete sapere (esordisce sempre così il menestrello di turno che del leggendario ragazzo siciliano si accinge a cantarne le gesta) era un ragazzotto appassionato dal mare, e più del mare, appassionato di lunghe immersioni.

Ultimo di una famiglia numerosa, Colpesce amava passare al mare, o meglio sott’acqua, gran parte delle giornate. Questo naturalmente, per la disperazione dei genitori che non se ne facevano una ragione di avere un figlio così strambo.
Intanto Cola, con il passare del tempo, prolungava sempre più le sue immersioni rimanendovi, alle volte, giorni interi sott’acqua.

Un giorno lo si vide riapparire con una gran quantità di monete d’oro che facevano parte del tesoro di una nave naufragata, nell’antichità, in quella zona.
La sua fama, ben presto, si propagò su tutta l’isola fino a giungere alle orecchie di Federico II°, il quale si recò a Messina per conoscere personalmente il ragazzo (ormai considerato dalla credenza popolare mezzo pesce e mezzo uomo).
Il sovrano, per metterlo alla prova, dapprima lanciò in acqua una coppa d’oro chiedendo a Cola di ripescargliela. Cosa che fu subitaneamente fatta dal ragazzo. Entusiasta dall’esito della “prova” il re regalò a Colapesce il trofeo ripescato.
Successivamente l’Imperatore chiese a Cola come fosse fatta la Sicilia sott’acqua e su cosa poggiasse. Dopo un po’ di tempo passato in immersione il ragazzo riemerse e riferì al Re che la Sicilia era poggiata su tre colonne, due molto salde e forti, mentre una era stata danneggiata dal fuoco.
Allora il Sovrano chiese che gli fosse portata una prova tangibile di quanto Colapesce avesse detto. Chiese che gli fosse portato del fuoco, sempre che Cola non avesse paura di affrontare quest’ennesima prova.
Per nulla intimorito della sfida lanciatagli da Federico II, il giovane ribattè al Re che lui si sarebbe immerso ed avrebbe portato del fuoco; ma immergendosi aggiunse, che qualora dal fondo del mare fosse venuta a galla una macchia di sangue, lui, Colapesce, allora non sarebbe più riemerso.
Dopo lunga attesa, infatti, la macchia di sangue apparve e di Colapesce non si seppe più nulla. Cosa sia successo laggiù non si sa, Cola però non apparve mai più.

Qualcuno sostiene  che Colapesce non è morto, ma accorgendosi che la terza colonna della Sicilia stava per cedere rimase sott’acqua a sostenere il pilastro pericolante. E la leggenda vuole che Colapesce tuttora si trovi laggiù per tenere in piedi la sua adorata Isola.

Criaco Giuseppe