Cula Pisci

Questa leggenda del mare, una delle più belle, non è soltanto l’avventura di un Ulisside alla ricerca delle Colonne d’Ercole del mistero; ma è nella tradizione popolare anche leggenda d’amore. L’offerta dei doni nelle tre prove proposte dal re; la coppa d’oro (la ricchezza), la corona del re (il potere), l’anello della principessa (l’amore) sono il simbolo dell’anima di un popolo, che in tutta la sua espressione artistica e letteraria ha raggiunto le sue vette più alte nella triade: l’amore, la roba, la morte.  

f1.JPG (39693 byte)

 

Narratore

Tantu tempu fa, nall’isula di Sicilia, rignava un putintissimu re.

Avia na figghia bedda ma capricciusa.

Gnornu a carusa ‘ntisi diri ca ‘nto mari vivia nu stranu giuvanottu ca nuddu sapìa cu putìa essiri, né di unni vineva, ma nuddu era cchiù bravu di iddu a natari, nuddu cchiù lestu.

Cula Pisci lu suprannuminaru picchì stava cchiù assai ‘nta l’acqua ca ‘nta terra ferma.

Si dicìa ca supra a so peddi ci avevunu spuntatu i squami, c’ avìa i ita parmati.

Chiù pisci ca omu, oramai era, Cula Pisci, appuntu.

 

A capricciusa principissa, ‘ngnornu, u fici chiamari e si sfilau u so priziusissimu aneddu, rialu di fidanzamentu d’un maraja di l’urienti.

Prima ca so patri, u re, putissi diri na parola, idda u ittau a mari.

 

Principessa
COLA, TI ORDINO DI RIPORTARMELO, SUBITO!

 

Narratore

Cula Pisci, si tuffau.
Subitu i sireni u circunnaru e u ccumpagnaru a circari l’aneddu, e dopu mancu cincu minuti Cola turnau a galla cu l’aneddu ‘nte mani.

Allura a aprincipissa si livau a curuna e stava pi ghittalla a mari. U re però a firmau.

C’era na cosa ca lu priuccupava.

Di tantu tempu na strana liggenna dicìa…………

 

 



COLA  PESCE

 

Narratore

Tanto tempo fa, nell’isola di Sicilia, regnava un potentissimo re. Aveva una figlia bellissima, ma capricciosa. Un giorno la ragazza sentì dire che nel mare viveva uno strano giovane. Nessuno sapeva chi fosse, né da dove venisse, ma nessuno era più bravo di lui a nuotare, nessun più veloce.
Cola-pesce lo aveva soprannominato il popolo, perché stava più in acqua che sulla terra ferma. Si diceva che sulla pelle già gli fossero spuntate le squame, che avesse le dita palmate. Più pesce che uomo era orma; Cola-pesce, appunto.

La capricciosa principessa un giorno lo fece chiamare; poi si sfilò il suo preziosissimo anello, regalo di fidanzamento di un maraja dell’oriente.
Prima che il re, suo padre, potesse dire una parola, lasciò cadere l’anello nel mare.

 

Principessa

Cola ti ordino di riportarmelo, subito!!

 

Narratore

Cola si tuffò. Subito le sirene ed i tritoni lo circondarono e lo accompagnarono nella ricerca. Non erano passati cinque minuti che Cola tornò su. Aveva l’anello tra le mani. Allora la principessa si levò la corona e stava per lanciarla nel mare. Il re però la fermò. C’era una cosa che lo preoccupava.
Da tempo una strana leggenda affermava che………….

 

Salvato dal WEB (sms macherione)