Alphonse Doria
pensiero indipendente
giovedì, 28 luglio 2005

Ah!

DDu tradituri di garibardi,
tangentista di du 'mondi'
ca ni vinni a 'ngannari
la nostra Patria vinni ad ammazzari.
Ah!
Quantu dulura, quantu stenti,
stu Populu Siciliano ca stringi i denti,
atri persìru la so entità
rincoglioniti di na pubblicità.
Ah!
Sicilia terra chi chiama i so figli
sparsi ni tuttu u munnu,
parteru senza pani e senza stigli,
e tu matri Sicilia ci vani 'nsonnu.
Ah!
Anuri e rispettu pi a Patria Sicilia
e senza 'nfamità pupi e pupara
tagliamu i filia di sti traditura!
Ah!
Colapisci è ancora sutta
e natri Siciliani nni u scurdamu
ma ancora tenti st'Isula
chi tutti natri amamu
curremu! Aiutamulu!

 


TRADUZIONE


Ah!
Quel traditore di Garibaldi
tangentista di due mondi
che quì è venuto a ingannarci
la nostra Patria è venuto ad ammazzare.
Ah!
Quanti dolori, quanti stenti
questo popolo Siciliano che stringe i denti,
e coloro che hanno perduto la loro entità
rincoglioniti da una pubblicità.
Ah!
Sicilia terra che chiama i propri figli
sparsi in tutto il mondo
sono aprtiti senza pane e senza niente
e Tu madre Sicilia ci appari in sonno.
Ah!
Onore e rispetto per la Patria Sicilia
e senza mensogne pupi e pupai,
tagliamo i fili di questi traditori!
Ah!
Colapesce è ancora sotto
e noi Siciliani l'ho abbiamo diemnticato
ma ancora mantiene quest'Isola
che tutti noi amiamo
corriamo! Aiutiamolo!

postato da: alphonsedoria alle ore 20:19
categoria:poesia

 

template by Splinder