Leggenda popolare siciliana trascritta da Giuseppe Pitrè - 1 -

Cola Pisci


Pesce uomo - Susi Lovino

Cola Pisci era un farotu, ca sapia natari megghiu d'un pisci, basta diri ca java di Missina a Catania e di Catania a Missina, sempri sutt'acqua.
'Na vota vinni lu Re ccà a Missina, e sintíu diri ch'avianu a Missina st'omu maravigghiusu, ch'era lu primu nataturi. Sintennu accussì, lu vosi vìdiri.
Cola fu chiamatu e si prisintau a lu Re.
- Dimmi: è veru (cci dici lu Re) ca tu sai ben natari?

- Maistà, sì!

Allura lu Re cci jittau 'na spada a mari, e Cola si calau e l'annau a pigghiiari.

Vidennu chistu, la Riggina cci jittau 'n aneddu, non cci cridennu chi Cola Pisci lu putía pigghiar; e Cola Pisci lu pigghiau.
- Allura m'hai a sapiri a diri chi cosa cc'est sutta lu pedi d' 'u Sarvaturi (Forte del SS Salvatore della Lanterna di Messina) - cci dici lu Re.

Cola si jetta a mari, osserva e torna:
- Sapiti chi cc'è, Maistà ? Cc' est 'na caverna, chi porta un gran' focu

Lu Re non ristau sudisfattu di sta cosa; dici :
- Nenti: non mi sapisti diri nenti. Ora si cc'è ssa caverna e tu mi sai purtari la cìnniri di ssu focu, io ti fazzu un bonu cumprimentu.

Scinníu arreri Cola, arrivau ddassutta, si bruciau la mani e si nni 'nchianau.
- Eccu, Maistà! - e cci prisintau la mani bruciata.

Risposta di lu Re:
- Non su' cuntentu ancora. Tu ha' a tràsiri jintra di la caverna; e m' hai a diri unni corrispunni stu focu.

- Riali Maistà - cci dissi Cola - si io scinnu, no 'nchianu cchiù supra: nni su' sicuru.  (A Cola Pisci mi cci parrava lu cori).

Lu Re pi fallu pigghiari di puntu, cci dissi ca un omu valenti non havi mai paura di nuddu.

- Uliti accussì? io lu fazzu; ma io cci perdu la vita.

Mi si pigghia na ferra:
- Si sta ferra - dici - 'nchiana bruciata, 'oli diri sugnu mortu; si non è bruciata, sugnu vivu.

Scinníu e trasíu, cu sta ferra 'nta la mani, jintra sta caverna. 'A ferra si bruciau e vinni 'n summa. Cola Pisci arristau bruciato e non 'nuchianau cchiù.

Lu Re fici chistu pi vidiri si era veru chi la caverna currispunnía cu suttaterra, ed era unu di li sustegni di la Sicilia.


Cola Pisci


Hombre pez - Pietra tagliata - Foto di Luis Miralles Sangro in 4.bp.blogspot.com

Cola Pisci era un faroto, che sapeva nuotare meglio di un pesce, basta dire che andava da Messina a Catania e da Catania a Messina, sempre sott'acqua.
Una volta il Re venne qui a Messina e sentì dire cha esisteva quest'uomo meravaglioso. Così lo volle vedere.
Cola fu chiamato e si presentò al Re.
- Dimmi: è vero - gli dice il Re - che sai nuotare molto bene?

- Maestà, si!

Allora il Re buttò una spada a mare e Cola si tuffò per andare a prenderla.
Vedendo ciò, la Regina buttò in acqua un anello, pensando che Cola Pisci non lo potesse prendere; e Cola Pisci, invece, lo prese.

- Allora mi devi saper dire cosa c'è sotto la base del Forte del SS Salvatore - gli disse il Re

Cola si  butta in mare, osserva e torna:
- Sapete che c'é, maestà? C'è una caverna, che butta un gran fuoco

Il Re, non rimanendo soddisfatto da questa cosa, disse.
- Niente: non mi hai saputo dire niente. Ora se c'é questa caverna e tu mi porterai la cenere del fuoco, io ti faccio i migliori complimenti.

Cola tornò a scendere e, giunto in fondo, si bruciò le mani e tornò in superficie e, inchinandosi, disse:
- Ecco Maestà - e gli fece vedere le mani bruciate.

La risposta del Re fu:
- Non sono ancora contento. Tu devi entrare nella caverna e mi devi dire da dove proviene questo fuoco.

- Maestà Reale - gli disse Cola - se io torno giù non salgo più in superficie: ne sono sicuro - (Colapesce parlava col cuore)

Il Re, per farlo prendere di puntiglio, gli disse che un uomo valente non deve avere paura di nessuno.

- Volete così? Io lo faccio, ma gli perdo la vita.

Prese un bastone e disse:
- Se questo bastone sale a galla bruciato, vuol dire che sono morto; se non è bruciata, sarò vivo.

Scese ed entrò, con questo bastone nelle mani, nella caverna.
Il bastone si bruciò e venne a galla. Cola Pisci rimase bruciato e non risalì più.

Il Re fece ciò per vedere se era vero che la caverna era in comunicazione con il sottoterra (magma), in quanto era uno dei sostegni della Sicilia.

 

Raccontata a Messina da Sara Barbiera
riportata da Giuseppe Pitrè
su
Fiabe e leggende popolari siciliane

Buddaci, pisci missinisi

www.colapisci.it