Leggenda popolare siciliana trascritta da Giuseppe Pitrè - 2 -

Cola Pisci


Ileana Surducan fr.blogspot.com
 

A Missina cc'era un omu chì lu chiamavanu Pisci Cola. Chistu aveva li jidita junciuti: chiddi di lu pedi puru comu chiddi di li aceddi d'acqua e li gargi comu lì Pisci; e ogni jornu si jittava, 'nt' ò Portu di Missina, pi divirtìrìsi.

Vinni a Missina la Riggina, e cci cuntaru ca cc'era st'omu purtintusu, chi stava a mari comu un pisci. La Riggina ccì vosi cridiri 'n principiu, tantu ca lu chiamau a la prova, e cu 'na lancia riali si lu purtò a lu Garofalu, a lu Faru; e cci dissi:
- Ccà cc'è sta coppa d'oru; iò ti la jettu a mari; si tu ddoppu un'ura la va' a trovi, è tua.

Chiddu aspittau un'ura, e si jittau 'u funnu; ddoppu du' uri assummau cu la coppa d'oru ê manu.

La Rigina cci dumannau ch'avia vistu 'nta lu funnu di lu mari, e Cola cci dissi ca cc'eranu dui grannissimi caverni, chi sucavanu l'acqua di lu mari, e avevanu comunicazioni cu lu Muncibeddu.

Ddoppu jorna, prima di pàrtiri, la Riggina lu chiamò arreri, e cci dissi:
- Iò ti jettu 'n'âtra coppa d'oru cchiù granni di la prima, a pattu ca tu ha 'a vìdiri sina unni arrivanu sti caverni.

Rispunni Cola:
- Maistà, si

Lu 'nnumani matina la Riggina iju supra locu; jittò a mari la coppa; ddoppu du' uri si jittò Cola Pisci, e finu a st'ura s'aspetta chi torna 'n summa.


Cola Pesce

A Messina viveva un uomo che lo chiamavano Pesce Cola.
Egli aveva le dita unite: quelli dei piedi  erano come quelli degli uccelli acquatici e aveva le branchie come i pesci e ogni giorno si tuffava nel porto di Messina per divertirsi.
Un giorno venne a Messina la Regina  e venne a sapere di quest'uomo portentoso che stava a mare come un pesce.
La Regina  volle credere a quanto le avevano detto, tanto che lo volle mettere alla prova e, andati con una barca regale in un punto chiamato Garofalu, presso Faro, gli disse:

- Qui c'è una coppa d'oro, io la butto a mare;  se tu dopo fra  un'ora la trovi diventerà tua.

Lui aspettò un'ora e si tuffò nel fondo marino; dopo due ore riemerse con la coppa d'oro in mano.

La Regina gli chiese cosa avesse visto nel fondo del mare e Cola rispose che c'erano due grandi caverne, che aspiravano l'acqua del mare e avevano una comunicazione con il Mongibello (Etna).

Dopo alcuni giorni, prima di partire, la Regina  fece chiamare Cola e gli disse:
- Io ti butto un'altra coppa d'oro più grande della prima a patto che tu vai a vedere fin dove arrivano le caverne

Cola rispose:
- Maestà, si

L'indomani mattina la Regina si recò sul luogo prestabilito e gettò a mare la coppa; dopo si tuffò Cola Pesce e fino ad oggi si aspetta che riemerga.

 

S.Agata di Militello
Trascritta da Giuseppe Pitrè
su
Fiabe e leggende popolari siciliane

Buddaci, pisci missinisi

www.colapisci.it