www.colapisci.itL'uomo che diventa pesce per necessità o per sceltaWalter Ignazio Preitano

Anche i topi hanno la loro dignità, e certe volte non conviene stuzzicarli.

 

‘U  sùrici e 'a villeggianti

 

Cefalù

 

Un sùrici passàva quattu quattu

supra a ‘nu muricèddu d’ammacìa;

un mossu ‘i carni tra li denti strittu,

chi fossi p’i piccìtti ci sivvìa.

 

‘Na villeggiànti, chi facìa la paci

cull’amurìnu chi l’avìa rrunzàtu,

appèna ‘u vitti si ittàu ‘nte buci:

-  Un sòrice, che schifo, ho visionàto!.

 

- Ci voli facci tosta cu li caddi!-

‘u suricìttu riturnàu p’arrètu

- Si ti pôi rummuliàri ‘nte fascèddi

e fari ‘i porcherìi cu lu tô zitu,

 

ci’hâ diri grazie a ‘sti suricèddi

ch’a notti fannu vuluntariàtu.

Si non sarìa pi nui, ‘nta ‘sti casèddi

‘a tô lurdìa v’avìssi cummigghiàtu.

 

- Hai detto bene, sòrice sfacciàto:

di notte deve uscire il suriciàrio.

- Quannu ci siti vui, figghiùzza ciàto,

n’attòcca fare pure straordinario.

 


 

Il topo e la villeggiante

 

Nebrodi

 

Un topo passava quatto quatto su un muretto di campagna; teneva un pezzetto di carne stretto tra i denti, che forse gli serviva per nutrire i suoi piccoli.

Una villeggiante che stava amoreggiando  con il suo amante, appena vide il topo si mise a gridare: - Ho visto un sorcio, che schifo!.

- Ci vuole faccia tosta con i calli! - il topolino ritornò indietro – Se ti puoi rotolare sulla paglia e fare le porcherie con il tuo fidanzato,

 devi ringraziare questi topolini, che di notte fanno volontariato. Se non fosse per noi, in questo pezzo di terra la tua sporcizia vi avrebbe sommerso

- Hai detto bene, sorcio sfacciato: di notte debbono uscire i topi.

- Quando ci siete voi, figlia cara, ci tocca fare pure straordinario.

 

 

Walter  Ignazio Preitano

 

 

Sommario Altri Amici

www.colapisci.it